Le principali associazioni solari europee sono di nuovo divise?

Share

Una notizia pubblicata venerdì dal quotidiano francese Le Monde è stata la miccia che ha scatenato una tempesta mediatica tra due dei più importanti gruppi di pressione europei del fotovoltaico, SolarPower Europe e l’European Solar Manufacturing Council (ESMC).

Secondo Le Monde, SolarPower Europe, con sede a Bruxelles, starebbe cercando di indebolire il progetto di legge dell’Unione Europea (UE) relativo al divieto di importazione di prodotti realizzati parzialmente o interamente con lavoro forzato. SolarPower Europe, con sede a Bruxelles, ha negato queste affermazioni nell’articolo e anche a pv magazine.

L’amministratrice delegata di SolarPower Europe, Walburga Hemetsberger, ha dichiarato a pv magazine che l’associazione, forte di 300 membri e composta per il 13% da aziende con sede in Cina, non sta cercando di indebolire la legislazione dell’UE. “Il nostro obiettivo è, ed è sempre stato, quello di garantire che la legislazione possa fare ciò che si prefigge, ovvero fermare l’importazione nell’UE di prodotti realizzati con il lavoro forzato”, ha dichiarato.

Secondo l’articolo di Le Monde, due documenti interni trapelati e un’e-mail dimostrano che SolarPower Europe si oppone al principio dell’inversione dell’onere della prova, optando invece per il suo programma Solar Stewardship Initiative (SSI), fondato nel 2021. Hemetsberger ha smentito questa affermazione.

“Non abbiamo mai suggerito che l’SSI debba sostituirsi al divieto del lavoro forzato o alle iniziative di sostenibilità ad esso collegate”, ha dichiarato. “L’SSI servirà ad accelerare gli obiettivi e l’attuazione del divieto di lavoro forzato, della direttiva sulla due diligence di sostenibilità aziendale e di altre normative”.

Hemetsberger ha dichiarato che SolarPower Europe concorda con la posizione della Commissione Europea sul mantenimento dell’onere della prova da parte delle aziende. La legislazione della Commissione Europea prevede che la Commissione faccia un elenco di aree geografiche e settori economici ad “alto rischio” di ricorso al lavoro forzato, con l’onere della prova che ricade sulle aziende per dimostrare che non ricorrano al lavoro forzato.

Una volta appresa la notizia, l’European Solar Manufacturing Council (ESCM) ha diffuso un proprio comunicato stampa. Il direttore politico dell’organizzazione con sede a Bruxelles, Jens Holme, ha dichiarato che l’indebolimento della legislazione è “estremamente distruttivo” e incongruo con la responsabilità sociale dell’industria. “Noi di ESMC siamo scoraggiati nell’apprendere che tali valori siano associati al nostro settore”, ha dichiarato. “Ci aspettiamo che i nostri colleghi di SolarPower Europe chiariscano la loro posizione: non volete un solido divieto su tutti i prodotti che prevedono il lavoro forzato?”.

È chiaro che si sta allargando una frattura tra le associazioni di categoria. Ma le divisioni nell’industria solare europea non sono nuove. L’associazione EU ProSun è stata fondata nel 2012 con l’obiettivo di difendere la filiera europea del fotovoltaico dall’incombente potenza dell’industria cinese dei moduli.

L’ente si è battuto per l’introduzione di dazi antidumping e antisovvenzioni contro i prodotti solari cinesi, che hanno portato la Commissione europea a sviluppare una soglia minima di prezzo sui pannelli fotovoltaici cinesi nel 2013. EU Prosun è diventata inattiva nel 2018 dopo diversi anni di lotta con l’associazione egemone, contraria all’introduzione di misure di restrizione sui moduli cinesi.

ESCM e SolarPower Europe hanno anche recentemente espresso pareri opposti sulla legge del Parlamento europeo sull’industria a zero emissioni, recentemente approvata. Il direttore politico di SolarPower Europe, Dries Acke, ha avvertito che i requisiti della legge – che limitano i progetti in appalto che utilizzano tecnologie di provenienza extra-UE – possono essere un “campanello d’allarme” per il settore solare e “per coloro che si impegnano per la sicurezza energetica e gli obiettivi climatici dell’UE”. Ma il direttore politico dell’ESMC, Žygimantas Vaičiūnas, ha preso una strada diversa e ha affermato che la legge si allinea “perfettamente” agli interessi dell’industria europea.

Alla domanda se queste nuove divisioni siano positive per il settore solare, Hemetsberger di SolarPower Europe ha risposto che qualsiasi apparente disunione – o quelle che lei definisce “sfumature nel posizionamento” – è “deplorevole” in quanto indebolisce la voce complessiva dell’industria solare. “La sfida del nostro tempo richiede una rappresentanza unitaria del settore”, ha dichiarato.

Holme di ESMC ha dichiarato a pv magazine che la sua associazione favorisce fortemente i produttori europei di fotovoltaico e l’intero settore, e SolarPower Europe “potrebbe” allinearsi a questi valori. In fin dei conti, però, entrambe le organizzazioni hanno un nemico comune: l’industria dei combustibili fossili. Ma la transizione climatica, che si basa sull’abbandono graduale dei combustibili fossili e sull’introduzione graduale del fotovoltaico, “non deve” essere contaminata da violazioni dei diritti umani.

“Speriamo di poter concordare una posizione comune sul fatto che le violazioni dei diritti umani, in particolare il lavoro forzato, dovrebbero essere una no-go zone per il settore solare europeo”, ha dichiarato Holme.

Il calo dei prezzi dei pannelli di quest’anno, la produzione fotovoltaica europea, le tariffe e la prevenzione del lavoro forzato. Il 6 dicembre alle 12:30 CET discuteremo con analisti, associazioni di categoria e rappresentanti dell’industria di quanto possa durare il calo dei prezzi dei pannelli, dello stato attuale e delle dimensioni della produzione fotovoltaica europea, di chi sta spingendo per l’introduzione di tariffe e se queste sarebbero efficaci, e di quali misure si stanno sviluppando a livello europeo per garantire condizioni di lavoro accettabili. Tra i relatori vi sono: Alexia Ruvoletto, Senior Policy Advisor on Trade | SolarPower Europe Elisabeth Schellmann, Policy Officer – Seconded National Expert | Commissione Europea Johan Lindahl, Secretary General | European Solar Manufacturing Council Jochen Hauff, Director of Corporate Strategy, Energy Policy & Sustainability | BayWa r.e. Per maggiori informazioni e per la registrazione gratuita clicca qui]

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.