Produttore tedesco lancia inverter in carburo di silicio per applicazioni residenziali

Share

Katek Memmingen GmbH ha recentemente avviato la produzione del suo nuovo inverter trifase coolcept fleX da 4,6 kW. Il dispositivo è prodotto con semiconduttori in carburo di silicio (SiC) forniti dalla statunitense Navitas Semiconductor.

È noto che gli inverter a carburo di silicio hanno densità di potenza più elevate, minori requisiti di raffreddamento e costi di sistema complessivi inferiori rispetto agli inverter tradizionali. Tuttavia, i difetti collegati all’interfaccia tra il carburo di silicio e il materiale isolante in biossido di silicio possono ancora rappresentare un problema per questi dispositivi.

“I dispositivi di alimentazione Navitas GeneSiC, basati sulla tecnologia MOSFET SiC, possono funzionare a temperature e velocità elevate, con una temperatura fino a 25 C inferiore e una durata fino a tre volte superiore rispetto ai prodotti convenzionali”, hanno affermato le due società in un comunicato congiunto. “Grazie alla loro documentata capacità di ‘avalanche’ comprovata al 100%, al tempo di tenuta al cortocircuito più lungo del 30% e alla tensione di soglia per un semplice collegamento in parallelo, i MOSFET GeneSiC sono adatti per applicazioni ad alta potenza e un rapido time-to-market.”

Il produttore tedesco di inverter fotovoltaici ha affermato che l’inverter coolcept fleX da 4,6 kW include ora 16 MOSFET SiC del modello GeneSiC G3R75MT12. “Questi dispositivi da 1.200 V, 75 mΩ sono disposti in un convertitore a due livelli con convertitori boost bidirezionali e una topologia H4 per l’uscita di tensione CA”, ha affermato la società.

La scheda del prodotto mostra che i prodotti coolcept flex senza semiconduttori SiC hanno un’efficienza del 98,0% e un’efficienza europea che va dal 97,0% al 98,0%. Gli inverter hanno dimensioni di 399 mm x 657 mm x 222 mm e pesano 12 kg. Sono dotati di inseguitori MPP individuali, con una potenza di ingresso massima di 6,1 kW per inseguitore. La tensione di ingresso massima è di 1000 V e l’intervallo di tensione MPP è compreso tra 250 V e 800 V. Il sistema dispone inoltre di protezione IP65 e di un sistema di raffreddamento basato su una ventola controllata.

“Riducendo le dimensioni e il peso dei componenti passivi grazie all’aumento della frequenza di commutazione, l’inverter Katek supera i vecchi inverter basati su silicio in termini di dimensioni e peso”, ha affermato il produttore.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

Pichetto firma il decreto Energy release, prezzi calmierati per imprese energivore “green”
23 Luglio 2024 Il ministro dell’Ambiente e della Sicurezza energetica, Gilberto Pichetto, ha firmato oggi il decreto Energy Release. Il provvedimento va a supportare...