Entra in funzione la più grande microrete commerciale dell’Australia

Share

La microrete Ikea è costituita da un impianto solare sul tetto da 1,2 MW installato nell’ampio sito commerciale di Adelaide del rivenditore di mobili, abbinato a un sistema di accumulo di energia a batterie da 3 MW/3,45 MWh e supportato dal sistema di gestione dell’energia eleXsys di Planet Ark Power per l’esportazione delle eccedenze.

Progettata e costruita da Planet Ark Power, la microrete (microgrid) da 6,6 milioni di dollari australiani (4,03 milioni di euro) sarà di proprietà e gestita dalla società di infrastrutture energetiche Epic Energy, con sede nel Australia Meridionale. L’amministratore delegato di Epic Energy, Clive D’Cruz, ha dichiarato che il sistema non solo fornirà energia al negozio Ikea di Adelaide, ma offrirà anche un supporto alla rete elettrica dell’Australia Meridionale, grazie alla batteria che consente all’operatore di “spostare nel tempo” l’energia solare.

D’Cruz ha dichiarato che l’energia pulita in eccesso immagazzinata nella batteria della microrete può essere scambiata sul National Electricity Market (NEM) durante le ore di picco della domanda, sostenendo la stabilità e l’affidabilità della rete attraverso la partecipazione ai mercati dei servizi ausiliari di controllo della frequenza (FCAS).

“Investire nella prima microgrid urbana australiana di questo tipo aiuta il nostro partner di offtakement Ikea a raggiungere i suoi obiettivi climatici positivi e al tempo stesso avvantaggia la comunità locale attraverso il sostegno alla stabilità della rete”, ha dichiarato.

Il direttore finanziario di Planet Ark Power, Jonathan Ruddick, ha dichiarato che l’integrazione della tecnologia eleXsys dell’azienda ha trasformato il negozio Ikea in una “microgrid commerciale senza vincoli e connessa alla rete”.

“La microgrid non solo massimizza la produzione di energia pulita nel Sud Australia, ma evita anche costosi aggiornamenti della rete e fornisce un supporto alla rete elettrica dello Stato, a beneficio della più ampia comunità del Sud Australia”, ha dichiarato. “L’utilizzo della tecnologia eleXsys consente di connettersi a una quantità di energia fino a 10 volte superiore a quella attualmente consentita dalla tecnologia solare e dai vincoli di rete”.

Ruddick ha dichiarato che la capacità di scambiare attivamente l’energia rinnovabile nella rete elettrica dell’Australia Meridionale fornisce anche un ritorno sull’investimento a rischio ridotto per i proprietari della microrete.

L’Australia Meridionale ha uno dei più alti tassi di penetrazione dell’energia solare sui tetti del mondo che, insieme alla generazione eolica, soddisfa regolarmente il 100% del fabbisogno energetico dello Stato, ma il Direttore dei Grandi Progetti del Dipartimento per l’Energia e le Miniere, Scott Oster, ha dichiarato di sperare che il progetto ispiri altri grandi rivenditori a fare la loro parte nella transizione energetica dello Stato.

“Il governo dell’Australia Meridionale è entusiasta di vedere questo progetto che dimostra come la tecnologia intelligente ci consentirà di ospitare un maggior numero di impianti solari sui tetti in modo tale da favorire la stabilità della rete”, ha dichiarato Oster. “Questo è un altro passo fondamentale per la realizzazione di una rete energetica intelligente del futuro in Australia Meridionale. Sono soluzioni innovative e lungimiranti come questa che saranno di vitale importanza mentre ci avviciniamo al nostro obiettivo del 100% di energie rinnovabili entro il 2030”.

Per Ikea, la microrete sosterrà l’obiettivo di utilizzare il 100% di energia rinnovabile nel negozio di Adelaide entro il 2025.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

Sardegna, la moratoria per eolico e fotovoltaico è legge
02 Luglio 2024 Il Consiglio regionale della Sardegna ha approvato stamattina il disegno di legge n. 15/A, ovvero il provvedimento che decreta per 18 mesi lo stop all...