EnerVenue lancia una nuova variante di batteria metallo-idrogeno

Share

La startup statunitense EnerVenue ha sviluppato una nuova versione delle sue batterie al nichel-idrogeno per applicazioni su larga scala nel settore delle energie rinnovabili e dello stoccaggio.

“La nuova versione delle batterie EnerVenue estende la durata, la flessibilità operativa e i vantaggi in termini di efficienza dei costi delle soluzioni per progetti di stoccaggio stazionario in una miriade di casi d’uso”, ha dichiarato il produttore in un comunicato. “Le ESV di nuova generazione possono effettuare cicli flessibili fino a tre volte al giorno, con tassi di scarica da due a 12 ore, consentendo applicazioni e modelli di business unici per sviluppatori, integratori e proprietari”.

Secondo quanto riferito, la batteria ha una durata di vita di 30 anni e 30.000 cicli, mentre il produttore offre una garanzia di 20 anni/20.000 cicli che garantisce almeno l’88% di capacità residua della batteria dopo tale periodo.

EnerVenue sostiene che la sua tecnologia di batteria al nichel-idrogeno può funzionare a temperature comprese tra -40 C e 60 C. È inoltre in grado di fornire i cicli promessi senza degrado e a velocità variabili, per un’ampia gamma di capacità di ricarica veloce e lenta.

La batteria ha un’efficienza che va dall’80% al 90%, a seconda della frequenza dei cicli, e la sua densità di energia per piede quadrato è pari o superiore a quella delle batterie agli ioni di litio, secondo l’azienda.

A maggio, EnerVenue ha condotto valutazioni UL 9540A per la propagazione di incendi termici a livello di cella, modulo e unità. L’azienda ha certificato i suoi Energy Storage Vessels secondo la norma UL 1973, ha dichiarato Majid Keshavarz, CTO di EnerVenue. I risultati dei test UL 9540A confermano che la chimica delle batterie dell’azienda è la scelta migliore per i clienti che vogliono eliminare i rischi di incendio o termici nelle loro installazioni su scala di rete.

La tecnologia delle batterie al nichel-idrogeno è particolarmente valida in condizioni remote e difficili, con temperature operative comprese tra -40 C e 60 C, come dimostrato dal suo utilizzo nei satelliti della NASA.

EnerVenue ha raccolto 125 milioni di dollari in un’offerta di azioni di serie A del dicembre 2021 da Schlumberger, Saudi Aramco Energy Ventures e Stanford University. La consulenza è stata fornita da Barclays. Il round di finanziamento ha fatto seguito a un altro round di avvio da 12 milioni di dollari all’inizio dello stesso anno.

A marzo, EnerVenue ha annunciato l’intenzione di investire in una gigafabbrica nello stato americano del Kentucky, dove progetterà, produrrà e testerà i suoi Energy Storage Vessels al nichel-idrogeno. EnerVenue riferisce di avere più di 7 GWh di impegni con i clienti, tra cui ordini da Pine Gate Renewables, dall’unità Green Energy Renewable Solutions di Nicon Industries e da Schlumberger New Energy.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.