Startup australiana sviluppa sistema di alimentazione autonomo fotovoltaico-idrogeno

Share

Boundary Power, un’unione tra la società di servizi regionali dell’Australia occidentale Horizon Power e la società di ingegneria elettrica Ampcontrol, con sede a Victoria, ha lanciato ufficialmente un sistema di alimentazione autonomo (SAPS) che utilizza l’energia solare e una batteria rinnovabile all’idruro di idrogeno per immagazzinare e generare elettricità quando necessario.

Adam Champion, business development manager per le energie rinnovabili di Ampcontrol, ha dichiarato che l’Hydrogen Integrated Stand-Alone Power System (HiSAP), pur non essendo ancora disponibile in commercio, è stato creato per esplorare i fattori tecnici di progettazione, integrazione e funzionamento.

“Utilizzeremo queste conoscenze come input per i nostri futuri prodotti a energia rinnovabile”, ha dichiarato.

Il primo HiSAPS, sviluppato in collaborazione con Lavo, specialista di sistemi di accumulo di energia da idrogeno con sede a Sydney, e Selectronic Australia, produttore di inverter con sede a Melbourne, è stato installato presso lo stabilimento di produzione di LED di Ampcontrol a Ringwood, nello stato di Victoria.

Simon Duggan, direttore generale di Boundary Power, ha dichiarato che il sistema utilizza il Solar Qube dell’azienda, una combinazione integrata e pieghevole di generatore solare e batteria. Tuttavia, il tradizionale generatore diesel è stato sostituito da un sistema autonomo di alimentazione a idrogeno sviluppato da Lavo.

“Grazie alla collaborazione con Lavo e Selectronic, siamo stati in grado di proporre una soluzione dal design unico che apre la strada a ciò che potremo fare in futuro con i sistemi di alimentazione autonomi e la generazione di energia rinnovabile”, ha dichiarato. “Ci permette di dimostrare le capacità di questa unità Solar Qube alimentata da un elettrolizzatore e da un sistema di accumulo di idrogeno, invece di utilizzare il tradizionale generatore diesel. È un momento davvero, davvero, davvero emozionante”.

L’unità dimostrativa comprende due sistemi. Il SAPS autonomo comprende un impianto solare da 4 kWp montato su rack, un sistema di accumulo dell’energia a batteria da 16 kWh e un inverter da 7,5 kW. A questo si affianca un sistema di stoccaggio dell’energia dell’idrogeno all’idruro metallico (HESS) da 20 kWh con un ulteriore impianto solare da 6 kWp (parte di un campo sul tetto dell’impianto di Ringwood) e 5 kWh di batteria di stoccaggio. L’HESS incorpora anche un elettrolizzatore da 2,3 kW e una cella a combustibile da 3 kW per garantire che tutto l’idrogeno utilizzato sia prodotto in loco in modo rinnovabile.

“Una delle particolarità dell’unità HiSAPS rispetto ai sistemi di alimentazione stand-alone standard è che genera internamente il proprio combustibile”, ha dichiarato Thomas Steigler, ingegnere ricercatore di Ampcontrol. “Genera idrogeno e lo immagazzina all’interno dell’unità”.

L’intero sistema, comprese le apparecchiature di comunicazione per l’integrazione nei sistemi di misurazione e di reporting, è contenuto in un involucro resistente alle intemperie.

L’unità dimostrativa appena presentata fornirà energia solare allo stabilimento Ampcontrol di Ringwood durante le ore diurne per soddisfare la domanda di energia diurna. L’energia in eccesso verrà utilizzata per caricare il sistema di accumulo di energia a batteria (BESS) e quindi l’HESS. Il BESS verrà scaricato per soddisfare la domanda di energia di notte e durante i periodi di picco. L’HESS soddisfa le lacune della domanda di energia quando l’energia solare e il BESS non sono disponibili.

Il progetto è stato in parte finanziato dal Dipartimento per l’Energia, l’Ambiente e l’Azione per il Clima (DEECA) di Victoria nell’ambito del Renewable Hydrogen Commercialisation Pathways Fund del governo statale.

Duggan ha dichiarato che il progetto ha offerto una visione della tecnologia necessaria per costruire sistemi a idrogeno per immagazzinare e fornire elettricità e l’impianto dimostrativo fornirà una visione cruciale degli aspetti tecnici, normativi e di sicurezza dell’integrazione dei sistemi a idrogeno in un sistema energetico autonomo.

“Il finanziamento ci ha permesso di collaborare con esperti del settore per progettare una soluzione innovativa per dimostrare l’applicazione reale, aprendo la strada alla futura commercializzazione di HiSAPS”, ha dichiarato.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

Pichetto firma il decreto Energy release, prezzi calmierati per imprese energivore “green”
23 Luglio 2024 Il ministro dell’Ambiente e della Sicurezza energetica, Gilberto Pichetto, ha firmato oggi il decreto Energy Release. Il provvedimento va a supportare...