Università statunitense utilizza sistema fotovoltaico-termico per catturare il calore in eccesso generato dai moduli fotovoltaici

Share

La ELM Solar dell’Illinois, rivenditore negli Stati Uniti dei sistemi fotovoltaici termici (PVT) della britannica Naked Energy, ha installato 240 collettori certificati TÜV presso un dormitorio per studenti della Creighton University di Omaha, Nebraska.

Naked Energy produce sistemi fotovoltaici termici in forma di tubo sottovuoto, con una piastra assorbente, celle solari convenzionali in silicio, un tubo sottovuoto in borosilicato e un riflettore integrato in un sistema di montaggio con un profilo di 25,4 cm.

La piastra assorbente è una piastra di calore con canali di rame ad alto spessore per favorire il trasferimento di calore. Riduce al minimo le perdite termiche, poiché utilizza il calore in eccesso generato dalle celle fotovoltaiche e, secondo quanto riferito, genera calore fino a 80 C. Questo calore può essere trasferito negli edifici tramite tubi da 8 mm collegati a un collettore da 22 mm con connettori DN16.

I riflettori integrati consentono al sistema di raccogliere il 40% di energia in più rispetto al fotovoltaico convenzionale e i collettori rotanti possono ottimizzare le prestazioni su tetti inclinati, tetti piani e facciate verticali. Un’unità a tubo singolo misura 2.165 mm x 300 mm x 265 mm e pesa 19,9 kg. L’area di apertura è di 0,64 m2 e l’area dell’assorbitore è di 0,324 m2. La sua potenza termica di picco è di 275 W e la potenza elettrica di 70 W.

L’installazione della residenza universitaria è in grado di generare calore solare fino a 120 C, con una capacità di picco annuale di 69,9 kW di energia termica. Si tratta del primo progetto nordamericano per l’azienda britannica.

“I team di sviluppo commerciale di ELM Solar e Naked Energy sono attualmente in trattativa con diverse aziende negli Stati Uniti”, ha dichiarato Christophe Williams, CEO di Naked Energy, a pv magazine, sottolineando che i potenziali clienti negli Stati Uniti vanno dai produttori di carta e cellulosa, alle strutture sanitarie e ai ristoranti, fino a progetti pilota con società di servizi internazionali.

“La tecnologia del calore solare ha un enorme potenziale perché toglie dalla rete elettrica o dal gas il compito di riscaldare l’acqua, uno dei principali costi energetici di qualsiasi edificio, con conseguenti risparmi finanziari e di carbonio per il proprietario dell’edificio”, ha dichiarato Lee C. Graves, presidente di ELM Companies, proprietaria di ELM Solar.

Secondo il suo amministratore delegato, Naked Energy sta sviluppando una piattaforma software per facilitare la pianificazione e la modellazione di nuovi impianti fotovoltaici, compresi i calcoli dei costi, delle prestazioni e del ritorno sull’investimento per l’elettricità generata dal fotovoltaico, il riscaldamento e il raffreddamento solare. Williams ha anche detto che un primo progetto tedesco dovrebbe iniziare la costruzione a gennaio, senza fornire ulteriori dettagli.

Naked Energy sostiene che la sua tecnologia triplica la riduzione dei gas serra per metro quadro rispetto ai pannelli fotovoltaici tradizionali.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

Pichetto firma il decreto Energy release, prezzi calmierati per imprese energivore “green”
23 Luglio 2024 Il ministro dell’Ambiente e della Sicurezza energetica, Gilberto Pichetto, ha firmato oggi il decreto Energy Release. Il provvedimento va a supportare...