La lobby del solare dell’UE chiede di vietare il lavoro forzato nei prodotti solari

Share

La Commissione europea dovrebbe sviluppare e attuare un pacchetto legislativo per “migliorare la competitività” del settore manifatturiero solare del continente, ha dichiarato l’European Solar Manufacturing Council (ESMC) in un recente comunicato stampa.

Il principale gruppo di pressione europeo sul fotovoltaico ha affermato che questo pacchetto dovrebbe includere un “divieto” sui prodotti solari realizzati con “lavoro forzato”.

L’ESMC sostiene di aver fatto questi commenti in risposta alla recente adozione da parte della Commissione Europea di un pacchetto legislativo che affronta le sfide significative dell’industria dell’energia eolica. Questi problemi includono una domanda insufficiente e incerta, permessi lenti e complessi, mancanza di accesso alle materie prime, ha spiegato la Commissione in un comunicato stampa. Il pacchetto comprende un’iniziativa per accelerare i progetti, un sostegno alle aste e un accesso facilitato ai finanziamenti dell’UE.

L’organizzazione con sede a Bruxelles chiede un pacchetto su tre fronti per “salvaguardare” l’industria manifatturiera del solare fotovoltaico dalle “sfide esistenziali”. Queste sono causate da “pressioni esterne sull’offerta” e dalla necessità di raggiungere gli obiettivi di produzione europei.

Il pacchetto dovrebbe includere anche “misure di emergenza” per evitare il fallimento dei produttori di moduli. Secondo l’ESMC, infatti, alcuni dei principali produttori di moduli fotovoltaici stanno prendendo “decisioni decisive” entro la metà di novembre in merito alla chiusura degli impianti di produzione o al trasferimento della produzione in altre regioni.

La prima misura mira a salvaguardare l'”off-take” dei progetti fotovoltaici prodotti in Europa. La legislazione riserverebbe una parte del mercato ai prodotti nazionali e l’ESMC stima che l’obiettivo potrebbe partire dal 10% entro il 2025. La cifra verrebbe incrementata fino a raggiungere un obiettivo, ad esempio il 40% o 40 GW di capacità produttiva fotovoltaica entro il 2040.

Il secondo punto è quello di garantire la “resilienza” della catena di approvvigionamento europea. Il meccanismo legislativo verrebbe stabilito attraverso parametri di riferimento annuali e linee guida “obbligatorie”.

L’ultimo tassello del pacchetto sarebbe il “bando” dei prodotti fotovoltaici realizzati con il lavoro forzato. “Sfruttare l’esistente lista di entità Uyghur Forced Labor Prevention Act (UFLPA) per vietare i prodotti fotovoltaici fabbricati con il lavoro forzato nel mercato dell’UE”, ha dichiarato l’ESMC.

“La proposta legislativa in corso nell’UE va nella giusta direzione, ma anche una volta adottata l’attuazione potrebbe richiedere almeno 18 mesi – non possiamo tollerare il lavoro forzato nel mercato dell’UE e questo dovrebbe essere vietato senza alcun ritardo”.

La legge statunitense sulla prevenzione del lavoro forzato degli uiguri (UFLPA) è entrata in vigore nel giugno 2022. La legge vieta l’importazione negli Stati Uniti di merci prodotte con il lavoro forzato in Cina, in particolare nella regione dello Xinjiang, ha dichiarato il Dipartimento per la sicurezza interna degli Stati Uniti sul suo sito web. Nello Xinjiang si trova il 50% della fornitura globale di polisilicio, un materiale essenziale per i moduli solari convenzionali.

Nel 2022, la Commissione europea ha proposto di vietare l’ingresso nel mercato dell’UE di prodotti realizzati con il lavoro forzato. La Commissione stima che 27,6 milioni di persone siano coinvolte nel lavoro forzato in tutto il mondo. A settembre, la Commissione per il mercato e il commercio del Parlamento europeo ha dichiarato che avrebbe continuato a lavorare su questa proposta di legge.

Se viene dimostrato che un’azienda ha fatto ricorso al lavoro forzato, tutte le importazioni e le esportazioni dei relativi prodotti verrebbero bloccate alle frontiere dell’UE e le aziende dovrebbero anche ritirare i prodotti che hanno già raggiunto il mercato dell’UE, si legge nel comunicato stampa. Questi articoli verrebbero poi “donati, riciclati o distrutti”.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

Sardegna, la moratoria per eolico e fotovoltaico è legge
02 Luglio 2024 Il Consiglio regionale della Sardegna ha approvato stamattina il disegno di legge n. 15/A, ovvero il provvedimento che decreta per 18 mesi lo stop all...