Gli scienziati usano la teoria dei giochi per monitorare le aste per le energie rinnovabili

Share

Un gruppo di ricerca internazionale ha condotto un’analisi completa delle strategie di offerta adottate dagli offerenti nelle aste per le energie rinnovabili sulla base del modello di gioco della prelazione costruito, che combina la teoria dei giochi con la “teoria delle opzioni reali”.

Mentre la teoria dei giochi si occupa di analizzare le interazioni strategiche tra decisori razionali, la teoria delle opzioni reali si occupa di valutare le decisioni di investimento in ambienti incerti o dinamici.

“Ci sono due ragioni per combinare la teoria dei giochi con la teoria delle opzioni reali per la modellazione”, hanno detto i ricercatori. “In primo luogo, la decisione di un’asta è una decisione di investimento. La teoria delle opzioni reali è una teoria importante per le decisioni di investimento. In secondo luogo, gli investitori devono considerare il comportamento dei potenziali concorrenti nelle loro decisioni d’asta. Pertanto, è necessario adottare la teoria dei giochi per guidare il processo decisionale delle aste”.

Nei giochi di prelazione, i giocatori decidono il momento in cui fermarsi e scambiano i costi strategici derivanti dal superare gli altri giocatori e i guadagni offerti dal passare del tempo.

“Nella competizione di prelazione, l’investitore perde tutti i guadagni se i concorrenti colgono l’opportunità”, hanno detto gli scienziati. “Per evitare di perdere a causa dei concorrenti e ottenere il massimo reddito da investimento possibile, l’investitore sceglie di investire con un reddito da investimento inferiore a quello che avrebbe in assenza di concorrenti”.

Gli studiosi hanno esaminato due tipi di aste di sussidi: una basata sulla quantità di produzione e sui tassi di sussidio richiesti e un’altra con un importo di sussidio fisso, con i partecipanti in competizione per offrire le condizioni migliori. È emerso che livelli di sovvenzione più elevati nelle aste determinano prezzi finali più bassi.

Le due forme d’asta sono state modellate in tre scenari. Nel primo, l’offerente non ha concorrenti; nel secondo, ha concorrenti, ma non ha informazioni sul loro reddito da investimento; nel terzo, non ha informazioni sui costi di investimento dei concorrenti. La modellazione si è basata, tra gli altri parametri, sul costo, sul tasso di interesse e sulla variabilità dei costi di investimento.

“Si può constatare che, in assenza di concorrenti, quando il costo dell’investimento aumenta, l’investitore sceglie necessariamente di investire quando può ottenere un reddito da investimento maggiore”, hanno affermato gli studiosi a proposito del primo caso. “Quando il tasso di interesse sicuro aumenta, l’investitore sceglie di investire con un reddito da investimento maggiore. Inoltre, a parità di costo dell’investimento, all’aumentare del tasso di interesse sicuro, l’investitore tende a investire quando può ottenere un reddito da investimento maggiore”.

Per quanto riguarda il secondo e il terzo scenario, i ricercatori hanno affermato che la tendenza generale di attivazione degli investimenti è simile a quella dello scenario di assenza di concorrenza. “Ciò indica che quando l’investitore non ha accesso alle informazioni sui redditi da investimento o sui costi di investimento dei concorrenti, può fare riferimento alla strategia di offerta dell’assenza di concorrenti per orientare le decisioni”, hanno spiegato.

I ricercatori hanno anche concluso che nell’asta a sovvenzione fissa, la produzione annuale di energia elettrica dopo l’investimento nel progetto ha l’effetto maggiore sulle strategie di offerta. Ciò è dovuto ai passi aggiuntivi che devono essere fatti in questa strategia per trovare il punto di attivazione dell’investimento.

“L’investitore può fare riferimento al punto di attivazione dell’investimento nell’ambito della forma di sovvenzione basata sul volume per prendere una decisione iniziale. Quindi, stimando la produzione annuale di energia dopo l’investimento e combinandola con il livello di sovvenzione previsto dalla forma di sovvenzione a importo fisso, si può ottenere il livello approssimativo di sovvenzione per unità di produzione di energia”, ha detto il ricercatore. “In seguito, in base alla relazione tra il livello di sovvenzione per unità di produzione di energia elettrica nelle due forme di sovvenzione, è possibile prendere una decisione specifica in merito all’offerta”.

In entrambe le forme d’asta, i ricercatori hanno affermato che sussidi governativi più elevati hanno portato a prezzi d’offerta più bassi per gli investitori e a una maggiore partecipazione degli stessi. I ricercatori hanno presentato i loro risultati in “The bidding strategy for renewable energy auctions under government subsidies”, recentemente pubblicato su Renewable Energy. Il gruppo comprende accademici della Shandong University of Finance and Economics e della Tongji University in Cina, oltre che della Technical University of Denmark.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

Sardegna, la moratoria per eolico e fotovoltaico è legge
02 Luglio 2024 Il Consiglio regionale della Sardegna ha approvato stamattina il disegno di legge n. 15/A, ovvero il provvedimento che decreta per 18 mesi lo stop all...