Tempi di attesa per permessi in Croazia? 4 anni

Share

È “troppo lento” portare a termine un progetto solare utility scale in Croazia, ha dichiarato Zvonimir Meštrović, responsabile dello sviluppo del business solare presso la società di energie rinnovabili ENCRO di Zagabria. Ha dichiarato a pv magazine che i ritardi sono dovuti alla mancanza di manodopera e ai troppi permessi.

“Ci sono molti documenti che devono essere garantiti e ogni documento richiede tempo e persone”, ha dichiarato. “Mancano persone esperte in questo tipo di progetti”.

Meštrović ha raccontato che un progetto non ancora presentato, che la sua azienda sta sviluppando, ha presentato la prima serie di approvazioni governative nel 2019, e quattro anni dopo, ENCRO ha finalmente il permesso di iniziare la costruzione. “Quattro anni sono considerati buoni in Croazia”, ha detto, aggiungendo che il tempo di attesa abituale per i progetti eolici è di un decennio. “La Commissione europea dice che tutto deve essere pronto e funzionante prima”.

La Direttiva UE sulle energie rinnovabili della Commissione europea stabilisce che i permessi per i progetti di energia rinnovabile devono essere assegnati entro due anni.

Non è la prima volta che la Croazia non si adegua alla normativa della Commissione europea. A febbraio, la Commissione europea ha deferito la Croazia, così come l’Ungheria e il Portogallo, alla Corte di giustizia dell’Unione europea (CGUE) per non aver trasformato la Direttiva UE sulle energie rinnovabili in legge nazionale. La Commissione europea ha dichiarato di aver chiesto ai Paesi di essere puniti con sanzioni finanziarie in quanto “non hanno attuato le norme dell’UE che promuovono più energia rinnovabile in Europa”.

pv magazine ha chiesto al Ministero dell’Economia e dello Sviluppo Sostenibile del governo croato, il dipartimento responsabile dell’assegnazione dei permessi per le energie rinnovabili in Croazia, il tempo medio di attesa per la finalizzazione dei progetti solari utility scale e quanti di questi progetti sono bloccati dalla burocrazia. Non abbiamo ricevuto risposta.

Secondo l’Agenzia Internazionale per le Energie Rinnovabili, alla fine dello scorso anno la Croazia ha registrato 182 MW di capacità solare installata. Elizabet Škrobo, responsabile dei media e delle comunicazioni di Renewable Energy Sources of Croatia – la principale associazione di energie rinnovabili del Paese dell’Europa meridionale – ha dichiarato che questi numeri riflettono la “rivoluzione solare” della Croazia.

Secondo i dati interni del gruppo di pressione, la Croazia è sulla buona strada per raggiungere i 418 MW di capacità installata entro la fine del mese, con 2 GW di progetti solari in cantiere.

Il Paese mediterraneo gode di molte giornate di sole e la società di dati solari Solargis mostra che il Paese, in particolare la costa, ha alti livelli di irraggiamento. Škrobo teme però che la crescita del settore sia ostacolata da ostacoli quali il rilascio dei permessi di costruzione e le difficoltà della rete.

“I tempi di attesa per l’energia solare sono tra i peggiori in Europa quando si tratta di tempi di attesa per la connessione alla rete degli impianti utility scale”, ha dichiarato. “Inoltre, la rete è quasi al massimo della sua capacità. L’espansione della rete è in ritardo”.

La Renewable Energy Sources of Croatia sta compilando un elenco di tutti i colli di bottiglia della rete croata – chiamato RES Simplified, ha detto Škrobo – e presenterà i dati al governo croato entro la fine dell’anno. L’obiettivo del documento è che il governo sia in grado di individuare le aree problematiche e migliorare la connessione attraverso le infrastrutture.

Secondo Škrobo, il promettente mercato solare croato è dovuto alle condizioni climatiche, all’ampia propensione dei cittadini all’installazione di impianti solari sui tetti e alla riduzione del 25% dell’imposta sul valore aggiunto per i prodotti fotovoltaici. L’adozione da parte del governo croato di un quadro normativo per l’installazione dell’agrisolare, avvenuta quest’anno, è stata un’altra manna per l’industria, ha aggiunto Škrobo, con questi cambiamenti legislativi che hanno avuto un impatto sul settore.

“La Croazia ha prodotto tanta elettricità dai pannelli solari solo in due mesi, luglio e agosto, quanta ne abbiamo prodotta con tutti i pannelli solari dell’anno scorso”, ha detto. “Ma possiamo fare meglio”.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.