La “storia di successo” del solare potrebbe presto finire, secondo SolarPower Europe

Share

L’energia solare è stata installata a una velocità “da record” nell’Unione Europea per il terzo anno consecutivo, ha dichiarato Walburga Hemetsberger, CEO di SolarPower Europe, presentato l’ultimo rapporto dell’associazione.

Secondo il documento, gli Stati membri hanno installato un totale di 56 MW negli ultimi 12 mesi, in linea con tre anni di aumenti del 40% rispetto all’anno precedente. La Germania ha conquistato il primo posto installando 14,1 GW, seguita da Spagna con 8,2 GW, Italia con 4,8 GW, Polonia con 4,6 GW e Paesi Bassi con 4,1 GW.

Ma questa “storia di successo” potrebbe presto finire, avverte SolarPower Europe, con gli ultimi tre anni di “crescita estremamente rapida” che dovrebbero rallentare con il calo dei prezzi dell’energia ai livelli pre-crisi e il panorama dello sviluppo del fotovoltaico sempre più “aggravato” da un “ambiente inflazionistico” afflitto da alti tassi di interesse. L’associazione prevede che il prossimo anno la crescita sarà solo dell’11%.

Anche la domanda residenziale di impianti solari su tetto ha subito un rallentamento, con un’attesa minima di un anno per l’entrata in vigore degli strumenti legislativi per la produzione di energia elettrica su larga scala, ha dichiarato SolarPower Europe.

“Nonostante gli impressionanti risultati ottenuti finora, il solare sta raggiungendo un momento critico in cui si deciderà il percorso di crescita ulteriore per la tecnologia di produzione di energia a basso costo, più versatile e più semplice da implementare”, si legge nel rapporto.

Il direttore delle politiche di SolarPower Europe, Dries Acke, ha affermato che è una “fortuna” che i prezzi estremi dell’energia non stiano guidando i risultati del solare, ma questo significa che i governi dovrebbero prendere in mano la situazione.

“Non possiamo accettare tempi di connessione alla rete superiori a 4 anni, non possiamo permettere che i progressi locali in materia di autorizzazioni siano lenti, non possiamo rischiare che le barriere commerciali rallentino la diffusione e non possiamo perdere l’occasione di delocalizzare la produzione solare europea”, ha dichiarato. “Ciò significa, tuttavia, che l’onere di garantire buone condizioni di investimento per il solare spetta nuovamente ai politici”.

Secondo il rapporto, il totale installato nell’Unione Europea è attualmente di 263 GW – un aumento del 27% rispetto all’anno scorso – con previsioni di installazione per il 2025 di 73,8 GW, seguiti da 84,2 GW nel 2026 e 93,1 GW nel 2027.

L’associazione raccomanda modifiche alle politiche per sostenere l’espansione del solare in Europa. Tra queste, la Banca centrale europea dovrebbe abbassare il costo del capitale per gli “investimenti verdi”, migliorare la flessibilità della rete elettrica, promuovere la forza lavoro, migliorare i processi di autorizzazione e sviluppare catene di approvvigionamento solari sostenibili e “diversificate”.

SolarPower Europe ha affermato che gli “strumenti” di difesa commerciale non fanno parte della soluzione, poiché l’indagine e l’implementazione di barriere commerciali sul solare è una “strategia perdente per l’Europa”.

SolarPower Europe e un altro importante attore del dibattito sul solare, l’European Solar Manufacturing Council (ESMC), sono stati recentemente ai ferri corti sulla questione se l’Unione Europea debba limitare l’ingresso nella regione di prodotti realizzati con presunto lavoro forzato.

SolarPower Europe ha dichiarato nel rapporto che “attende con ansia” l’entrata in vigore delle prime norme ambientali della Commissione europea per il solare, nonché l’imminente legge sul divieto di lavoro forzato e la direttiva sulla due diligence di sostenibilità aziendale. Queste iniziative aiuteranno la catena di fornitura a diventare “più sostenibile, trasparente e priva di legami con il lavoro forzato”.

L’associazione ha inoltre dichiarato di aver chiesto ai decisori dell’UE di riconoscere la Solar Stewardship Initiative (SSI) nella legislazione per garantire la “trasparenza” della catena di valore globale del solare.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.