Sinovoltaics segue i poli produttivi emergenti del fotovoltaico in Europa e Nord America

Share

Sinovoltaics, una società di servizi per la conformità tecnica e l’assicurazione della qualità con sede a Hong Kong, ha iniziato a pubblicare rapporti sulla catena di fornitura della produzione fotovoltaica nei mercati nordamericani ed europei. È in programma la copertura dell’India e del Sud-Est asiatico.

Pubblicati sotto forma di infografiche e tabelle di dati, i rapporti sulla catena di fornitura sono gratuiti.

“Abbiamo osservato le tendenze e i movimenti della catena di fornitura per anni e anni, ad esempio abbiamo assistito alla graduale crescita della produzione nel Sud-Est asiatico, motivo per cui oggi abbiamo team di ingegneri della qualità in loco presso le fabbriche di quella regione”, ha dichiarato il CTO di Sinovoltaics Niclas Weimar a pv magazine. “Questo nuovo tipo di rapporto è fondamentalmente la traduzione delle nostre osservazioni, a partire da quest’anno, per aiutare a visualizzare la distribuzione delle capacità produttive nelle diverse giurisdizioni”.

Gli analisti si aspettano che le informazioni vengano utilizzate dagli sviluppatori del solare e da altri acquirenti per individuare i produttori nelle regioni interessate, valutare la scalabilità della catena di fornitura per i progetti più grandi o per approvvigionarsi di moduli per i progetti in modo più efficiente, con l’obiettivo di ridurre i costi di trasporto e le emissioni di carbonio.

“L’industria solare ha bisogno di informazioni aggiornate sull’acquisto dei moduli”, ha dichiarato Dricus de Rooij, co-fondatore e CEO di Sinovoltaics. “Ogni quattro mesi, gli sviluppatori solari avranno a disposizione dati critici e dinamici che consentiranno loro di rimanere informati sui fornitori fotovoltaici emergenti e sugli ultimi sviluppi della produzione solare globale”.

I rapporti sulla catena di approvvigionamento coprono l’attività di produzione attuale e pianificata dal 2023 al 2027 per i produttori di diversi prodotti, tra cui moduli, celle, wafer, lingotti e polisilicio. Il rapporto prende in considerazione la capacità di ogni stabilimento di un produttore. Sono inoltre presenti simboli che indicano se un’azienda è in bancarotta o se un sito produttivo è chiuso o sospeso.

La prima edizione del rapporto nordamericano copre 81 siti negli Stati Uniti, in Canada e in Messico, mentre la versione europea elenca 91 siti in tutta la regione, comprese le aziende situate in Kazakistan e in Turchia.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

FER X transitorio, per ARERA è “necessario ridurre i contingenti”
25 Luglio 2024 L'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) ha inviato al Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE) il parere sull...