I pannelli bifacciali, che rappresentano il 98% delle importazioni solari statunitensi, potrebbero presto essere soggetti a dazi doganali

Share

Secondo quanto riportato da Reuters, l’amministrazione Biden dovrebbe eliminare un’esenzione commerciale per i moduli solari bifacciali importati negli Stati Uniti. Una volta una tecnologia di nicchia, i moduli solari bifacciali rappresentano oggi circa il 98% delle importazioni negli Stati Uniti, secondo un sondaggio su dadiversi produttori di energia solare che operano negli Stati Uniti.

Nel novembre del 2021, la Corte del Commercio Internazionale degli Stati Uniti ha ripristinato l’esenzione dei moduli solari bifacciali dalle tariffe della Sezione 201. L’Associazione delle industrie dell’energia solare (SEIA) l’ha considerata una vittoria per l’industria, in quanto ha mantenuto bassi i costi dei moduli importati. Originariamente concessa nel giugno 2019, l’esenzione dei moduli bifacciali era stata revocata dall’amministrazione Trump nell’ottobre 2020.

Ora l’esenzione per i moduli bifacciali potrebbe essere nuovamente revocata, questa volta dall’amministrazione Biden, a seguito di una petizione presentata da QCells, che ha una grande capacità produttiva negli Stati Uniti. Reuters ha riferito che QCells, la divisione solare del conglomerato coreano Hanwha, ha inviato il 23 febbraio una petizione formale al Rappresentante del Commercio degli Stati Uniti per chiedere la revoca dell’esenzione.

L’anno scorso, QCells ha annunciato che avrebbe investito più di 2,5 miliardi di dollari (2,35 miliardi di euro) per espandere le proprie attività negli Stati Uniti. Questo investimento, considerato il più grande finora effettuato nel settore solare statunitense, avrebbe reso QCells la prima azienda a stabilire una catena di fornitura solare completamente integrata basata sul silicio negli Stati Uniti. Nell’ottobre 2023, l’espansione della fabbrica di moduli solari di QCells a Dalton, in Georgia, è stata completata, con l’aggiunta di 2 GW di capacità solare, portando la produzione della fabbrica a più di 5,1 GW.

Secondo una nota di Roth Capital Partners, l’esenzione bifacciale sarà probabilmente revocata a maggio ed entrerà in vigore a giugno. Questo sarebbe un ulteriore vantaggio per il titolo del produttore statunitense di moduli First Solar, che al momento della stesura di questo rapporto è in rialzo.

First Solar e altri produttori con un’impronta statunitense potrebbero beneficiare di un potenziale nuovo ciclo di dazi antidumping e compensativi (AD/CVD), che secondo Roth potrebbe essere presentato già il 25 aprile.

Nel precedente procedimento AD/CVD, quattro Paesi del sud-est asiatico, Vietnam, Cambogia, Thailandia e Malesia, responsabili di circa l’80% delle forniture statunitensi di componenti solari, sono stati accusati di aver potenzialmente ospitato prodotti in dumping provenienti dalla Cina. Roth ha affermato che i moduli spediti dall’India potrebbero essere inclusi nel nuovo ciclo AD/CVD.

Nel corso di un webinar tenuto da Roth, Clean Energy Associates ha affermato che i prezzi dei moduli su scala pubblica negli Stati Uniti potrebbero aumentare a circa 0,40-50 dollari per watt a seguito dell’applicazione dell’AD/CVD. Si tratta di un prezzo significativamente più alto rispetto a quello registrato alla fine del 2023, quando il prezzo dei moduli è sceso al minimo storico di 0,13 dollari per W. Senza un nuovo caso AD/CVD, i prezzi statunitensi per i moduli spediti dal Sud-Est asiatico potrebbero essere di circa 0,20 dollari per watt, ha affermato CEA.

La CEA ha dichiarato che le transazioni di moduli negli Stati Uniti sono rallentate in modo significativo, in quanto l’industria attende di vedere cosa succederà con i dazi alla fine di aprile.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

FER X transitorio, per ARERA è “necessario ridurre i contingenti”
25 Luglio 2024 L'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) ha inviato al Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE) il parere sull...