Rare Earths Norway annuncia gigante deposito di materie prime critiche

Share

La società mineraria norvegese Rare Earths Norway (REN) ha annunciato una stima delle risorse minerarie che suggerisce che il complesso carbonatico di Fen potrebbe ospitare il più grande giacimento di terre rare dell’Europa continentale.

“Si tratta di un’importante pietra miliare per Rare Earths Norway e sottolinea la posizione della Norvegia come parte vitale della catena di valore delle terre rare e delle materie prime critiche in Europa”, ha scritto REN.

La Risorsa Minerale Inferiore (RMI o MIMR in inglese) è di 559 milioni di tonnellate, all’1,57% di ossidi totali di terre rare (TREO).

“Ciò significa che il complesso carbonatico di Fen contiene 8,8 Mt di TREO con una ragionevole prospettiva di estrazione economica. All’interno dei TREO, si stima che vi siano 1,5 Mt di terre rare legate ai magneti, utilizzate nei veicoli elettrici e nelle turbine eoliche”.

Si tratta della prima stima pubblicata delle risorse minerarie di ETR del complesso carbonatico di Fen. L’attuale lavoro fornisce una stima delle risorse minerarie fino a 468 metri sotto il livello medio del mare.

“REN si aspetta un potenziale futuro significativo per il progetto, dato che le precedenti perforazioni esplorative completate dal Servizio geologico norvegese e dal consulente geologico del Consiglio della contea di Telemark indicano che la mineralizzazione è in corso fino a una profondità di circa -1000 m s.l.m.”.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.