I danni causati dal maltempo agli impianti solari superano del 300% le previsioni

Share

kWh Analytics, società assicurativa per impianti FER, ha pubblicato il 6° rapporto annuale sulla valutazione del rischio solare, fornendo una panoramica basata sui dati relativi ai rischi per gli impianti solari. Il rapporto include i contributi dei leader del settore solare in ambito tecnologico, finanziario e assicurativo.

“Per raggiungere gli obiettivi di diffusione delle energie rinnovabili, è necessario concentrarsi su una crescita intelligente, basandosi sui dati per informare le decisioni e utilizzando misure di resilienza per proteggere gli asset” ha dichiarato Jason Kaminsky, amministratore delegato di kWh Analytics.

Il rapporto ha individuato 14 rischi da tenere presenti nel settore solare, tra cui quelli legati a condizioni meteorologiche estreme e rischi operativi. Per la prima volta quest’anno sono stati inclusi i rischi legati allo stoccaggio dell’energia delle batterie.

I dati di kWh Analytics hanno rilevato che la modellazione del rischio per i danni da eventi atmosferici è stata pesantemente trascurata. In particolare nei grandi mercati dell’energia solare, come California, Texas e Arizona, le perdite effettive a terra dovute agli eventi atmosferici sono state pari o superiori al 300% rispetto a quanto modellato dai proprietari degli impianti.

kWh Analytics ha dichiarato che, essendo il fotovoltaico una classe di attività relativamente nuova, i modelli di catastrofe naturale tipicamente utilizzati per dimensionare i premi assicurativi si basano spesso su strutture proxy per stimare le perdite. La società ha affermato che è necessaria una modalità di calcolo più accurata per il fotovoltaico e che le differenze nella tecnologia utilizzata (come gli inseguitori con protezione antigrandine) dovrebbero essere considerate.

La compagnia assicurativa ha sviluppato nuovi modelli che sfruttano i rischi specifici del luogo, supportati dai dati del National Renewable Energy Laboratory (NREL), da dati significativi sulle perdite e da immagini satellitari per fornire una valutazione del rischio più precisa.

I test di affidabilità condotti da Kiwa PVEL hanno rilevato che le celle rotte a causa di danni da grandine impattano sulle prestazioni dei moduli solari meno di quanto ci si possa aspettare. Nessun modulo testato da PVEL ha perso più del 3% di produzione dopo essere stato sottoposto a una sequenza di stress da grandine.

Il laboratorio di analisi ha dichiarato che, piuttosto che affidarsi a costosi test elettroluminescenti (EL), raccomanda ai proprietari di asset di effettuare scansioni termiche aeree annuali per identificare i moduli incrinati che hanno sviluppato punti caldi e sono a rischio di incendio e necessitano di essere sostituiti. I rischi di incendio sono più gravi nel raro caso in cui un modulo con un diodo di bypass guasto abbia celle incrinate.

Waaree ha scoperto che i moduli solari testati in laboratorio che si inclinano in posizione di riposo per proteggersi dagli impatti diretti della grandine perdono solo lo 0,8% della loro produzione a causa dell’angolazione non ottimale durante gli eventi di grandine. A loro volta, i moduli sono stati in grado di evitare del tutto i danni grazie al loro posizionamento. Le perdite sono di gran lunga superiori allo standard IEC del 5% di perdite dovute allo stivaggio.

Secondo i dati di Alliant Power, gli impianti situati in aree ad alto rischio possono ridurre i costi assicurativi fino al 50% investendo in misure di resilienza, come la scelta di pannelli e inseguitori termici che consentono di stivare la grandine.

“È utile dedicare tempo alla differenziazione del progetto e selezionare partner altamente qualificati in materia di rischi e assicurazioni” ha dichiarato Alliant Insurance Services.

Gli eventi catastrofici naturali sono in aumento: gli eventi meteorologici da un miliardo di dollari sono passati da una media di 13 l’anno nel 2010 a una media di 22 l’anno nel 2020, con 28 eventi meteorologici da un miliardo di dollari di danni solo nel 2023, ha dichiarato Alliant.

Lo sviluppatore solare Longroad Energy ha condiviso un caso di studio in cui sono stati valutati diversi angoli di inclinazione e il loro impatto sulla protezione dei moduli dagli impatti della grandine. Il rapporto si basa sui dati forniti da RETC e dal fornitore di inseguitori Nextracker.

È emerso che uno stivaggio a 50 gradi comportava una probabilità di rottura dei moduli stimata al 33%, mentre uno stivaggio a 60 gradi aveva una probabilità dell’8% e uno stivaggio a 75 gradi comportava solo un rischio di rottura dell’1% a causa della grandine.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

Sardegna, la moratoria per eolico e fotovoltaico è legge
02 Luglio 2024 Il Consiglio regionale della Sardegna ha approvato stamattina il disegno di legge n. 15/A, ovvero il provvedimento che decreta per 18 mesi lo stop all...