Solvay e Sapio costruiranno un impianto fotovoltaico da 9,5 MW per la produzione di idrogeno a Rosignano

Share

Solvay e Sapio hanno deciso di sviluppare congiuntamente il progetto Hydrogen Valley Rosignano. Il gruppo diversificato con sede a Bruxelles e l’azienda italiana di gas industriali e medicali consentiranno la decarbonizzazione delle attività di Solvay a Rosignano, in Toscana, con una riduzione del 15% delle emissioni di CO2 per le operazioni relative ai perossidi.

“L’impianto di produzione di idrogeno verde sarà costruito entro la metà del 2026 in un’ex area industriale all’interno dello stabilimento Solvay di Rosignano e sarà alimentato da elettricità verde attraverso la costruzione di un impianto fotovoltaico dedicato da 9,5 MW. Avrà una capacità di 756 tonnellate di idrogeno verde all’anno, che sarà utilizzato per la produzione di perossidi in loco”, ha dichiarato Solvay.

Solvay ha ottenuto dalla Regione Toscana un finanziamento di 16 milioni di euro nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) per quello che definisce “il primo polo europeo per la produzione di perossido di idrogeno verde”.

Il perossido di idrogeno è anche noto anche come acqua ossigenata.

“Questo progetto è il primo esempio di produzione di perossido di idrogeno verde su tale scala in Europa. Inoltre, questo investimento sarà un importante stimolo per l’economia locale e regionale”, ha commentato Ilham Kadri, CEO di Solvay.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.