L’Asia assume la leadership nel settore del fotovoltaico galleggiante

Share

Alla fine del 2021, sono stati installati 3,4 GW di progetti fotovoltaici galleggianti (FPV). Secondo il Rapporto FPV 2022 di IHS Markit, la domanda globale di FPV è destinata a raggiungere i 14 GW entro il 2026. Gli sviluppatori hanno messo in cantiere un’ampia pipeline di progetti da costruire già nel 2022. Di questi progetti, IHS Markit prevede l’installazione di 1,6 GW. Quest’anno i maggiori contributi arriveranno da India, Cina continentale, Corea del Sud e Indonesia.

Tra le 10 principali aree geografiche, il 92% delle installazioni previste è previsto nella regione Asia-Pacifico. La regione ha politiche e obiettivi governativi favorevoli. La mancanza di terreni incolti sta spingendo lo sviluppo del fotovoltaico verso i corpi idrici. Tuttavia, va notato che un sistema fotovoltaico su pali installato sopra i corpi idrici non è un FPV – includiamo questi progetti nella nostra analisi come sistemi montati a terra.

Alcuni mercati dell’Asia-Pacifico hanno annunciato iniziative per raggiungere le loro ambizioni di FPV. L’Indonesia prevede di installare 2,2 GW di FPV sul Duriangkang Reservoir, a Batam, entro il 2024. Il gruppo Sunseap costruirà il progetto e prevede di esportare l’energia fotovoltaica generata dall’impianto a Singapore tramite un cavo sottomarino, se si riuscirà a trovare un accordo in tal senso.

L’India ha in programma di installare un progetto FPV da 640 MW presso le dighe di Vidarbha Irrigations e 800 MW di progetti FPV nel Madhya Pradesh.

La Malesia sta attualmente sviluppando circa 96 MW di FPV e prevede di metterli in funzione entro la fine del 2022.Inoltre, il governo malese prevede di sviluppare un altro progetto FPV da 150 MW presso la diga di Durian Tunggal a Melaka.

L’azienda di Stato tailandese EGAT, interamente controllata, ha in programma la costruzione di 16 impianti FPV su dighe idroelettriche, per una capacità totale di oltre 2,6 GW. La costruzione è già iniziata e un progetto da 58 MWdc sulla diga di Sirindhorn è già operativo. L’impianto completo dovrebbe essere installato entro il 2036.

Il Vietnam si è impegnato a partecipare a due aste FPV, con una prima gara da 50 a 100 MW nel 2021 e un’altra da 300 MW nel 2022 per l’installazione entro il 2024.Tuttavia, poiché il governo sta lavorando a un nuovo piano di sviluppo energetico, il programma di aste FPV è stato sospeso.

L’Europa cresce

In Europa, l’aumento della domanda da parte di Paesi Bassi, Portogallo, Grecia, Israele e Francia sta attirando nuovi operatori sul mercato. In queste regioni, gli impianti FPV vengono sviluppati su laghi, pozzi minerari e bacini idrici.

La Francia ha un totale di 28 MW di capacità FPV operativa alla fine del 2021. Questo include l’impianto Omega 1 da 17 MW a Piolenc. Un altro progetto da 20 MW presso il bacino idroelettrico di Lazer, realizzato da EDF, è in fase di costruzione. Engie ha in programma un progetto FPV da 30 MW presso la cava di ghiaia Lafarge a Chateauneuf-du-Rhone.

Attualmente la Grecia non ha un FPV. Tuttavia, l’obiettivo greco delle rinnovabili al 2030 è sostenuto da diverse aziende che hanno richiesto certificati per la produzione di fotovoltaico galleggiante. La procedura di rilascio delle licenze richiederà tre anni, ma ciò ha dato origine a un potenziale di oltre 800 MW di FPV entro il 2026. PPC Renewables sta pianificando l’installazione di 50 MW di FPV come parte del suo piano complessivo di installazione di oltre 1 GW di energia solare entro il 2024.

I Paesi Bassi hanno 40 progetti FPV operativi, con una capacità totale di 182 MW entro la fine del 2021.BayWa r.e. e Groenleven hanno completato il più grande impianto FPV da 41 MW a Sellingerbeetse. Il serbatoio di Andijk ha 12 isole FPV in costruzione come fase 2 di un progetto più ampio. La fase 2 ha una capacità totale di 17,6 MW. Nei prossimi due anni è prevista la costruzione di altri 178 MW di FPV.

Anche se l’FPV sta riscuotendo interesse in tutte le aree geografiche, la sua crescita a lungo termine richiede ricerca e sviluppo nella tecnologia galleggiante per abbassare il prezzo. La tecnologia FPV si è evoluta in passato con l’utilizzo di polietilene, tubi HDPE con membrane, materiali cementizi e anche sughero e materiali polimerici per la realizzazione dei galleggianti.

Informazioni sull’autore

Dharmendra Kumar è analista di ricerca senior presso il team Gas, Power, and Energy Futures di IHS Markit, ora parte di S&P Global. L’area di interesse principale di Kumar è costituita dai moduli fotovoltaici, dagli inverter e dal mercato dell’ingegneria, degli appalti e delle costruzioni in India e nel Sud-Est asiatico. Contribuisce alla ricerca e all’analisi dei rapporti di IHS Markit. Kumar è anche responsabile del mantenimento delle relazioni con i clienti in India e nell’Asia Pacifica.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

Sardegna, la moratoria per eolico e fotovoltaico è legge
02 Luglio 2024 Il Consiglio regionale della Sardegna ha approvato stamattina il disegno di legge n. 15/A, ovvero il provvedimento che decreta per 18 mesi lo stop all...