Lo stoccaggio su larga scala è in aumento in Germania

Share

La Germania ha bisogno di sistemi di accumulo per la transizione energetica, non solo di piccoli impianti fotovoltaici domestici, ma anche di sistemi di accumulo su larga scala. Attualmente, il mercato di questi ultimi è ancora piuttosto complesso e l’espansione è piuttosto lenta. Ma la situazione potrebbe cambiare a breve termine, come indicano le ultime notizie di Wirsol Roof Solutions e Eco Stor.

Wirsol vuole realizzare un impianto di stoccaggio su larga scala a Ohrdruf, in Turingia, insieme ai partner del Gruppo Wirth. Si tratta di una soluzione di container a batteria con una potenza di 10,35 megawatt e una capacità di 13,41 megawattora. Il sito di stoccaggio copre un’area di 670 metri quadrati. L’allacciamento dell’impianto di stoccaggio su larga scala è avvenuto non lontano da una sottostazione di Thüringer Energienetze, secondo quanto dichiarato dall’appaltatore generale Wirsol Roof Solutions. L’allacciamento alla rete stava avvenendo sul posto e la stazione di trasferimento era già stata montata. Il sistema di accumulo a batterie sarà integrato nel livello di media tensione a 20 kilovolt dell’operatore di rete, ha dichiarato il responsabile del progetto Christian Jochemich di W Power GmbH. La filiale di Wirth, insieme a Profine Energy, è proprietaria e gestisce l’impianto di stoccaggio su larga scala. La messa in funzione del sistema di accumulo è prevista per il primo trimestre del 2024.

L’impianto di stoccaggio delle batterie di Ohrdruf sarà utilizzato per bilanciare le fluttuazioni della rete elettrica. Inoltre, migliorerà l’integrazione delle energie rinnovabili e aumenterà l’efficienza del sistema energetico. Le società hanno spiegato che sarà utilizzato con una “modalità di funzionamento multiuso”. Ciò potrebbe generare ricavi da servizi di sistema come la riserva di controllo primaria (FCR) e la riserva di controllo secondaria (aFRR). Lo scambio di energia con le batterie di accumulo avverrà tramite scambi intraday e day-ahead, oltre a transazioni finanziarie e “order book trades”.

Eco Stor progetta una centrale di stoccaggio da 600 megawattora

L’impianto di stoccaggio su larga scala che Eco Stor intende costruire in Sassonia-Anhalt, più precisamente a Förderstedt nel distretto di Salzlandkreis, a partire dal prossimo anno, ha una dimensione completamente diversa. Potrebbe diventare la più grande centrale elettrica a batterie d’Europa. Su un’area di otto ettari nelle immediate vicinanze di una stazione di trasformazione, l’azienda bavarese vuole costruire un impianto con 300 megawatt di capacità di accumulo e 600 megawattora di capacità di stoccaggio. Secondo i piani attuali, saranno costruiti in totale sei blocchi del tipo “ECO STOR ES-50C”. Secondo Eco Stor, ogni blocco è composto da 16 stazioni container per inverter e trasformatori e da 32 stazioni container per le batterie agli ioni di litio. L’azienda stima che l’investimento ammonterà a circa 250 milioni di euro, che Ecor Stor intende raccogliere insieme ad altri partner finanziari.

Una volta completata la centrale di stoccaggio, sarà possibile fornire elettricità a circa mezzo milione di famiglie per due ore. Il progetto prevede di collegare l’impianto di stoccaggio in tempo reale ai vari mercati in cui viene scambiata l’elettricità proveniente da impianti fotovoltaici ed eolici. “I prezzi dell’elettricità stanno diventando sempre più sensibili alle condizioni atmosferiche. Con l’aumento della produzione di energia eolica e solare, c’è bisogno di strutture di stoccaggio sempre più grandi e del loro effetto di bilanciamento”, ha dichiarato Georg Gallmetzer, amministratore delegato di Eco Stor.

Eco Stor chiede anche un cambiamento di politica in modo che i comuni possano beneficiare delle entrate fiscali generate dalle centrali di accumulo. Questo è già il caso delle centrali fotovoltaiche e dei parchi eolici. In questi casi, i comuni ricevono il 90% del gettito fiscale. Eco Stor vuole che ciò avvenga anche per lo stoccaggio a batteria. A tal fine, il regolamento della legge fiscale annuale 2023 dovrebbe essere modificato.

Lo stoccaggio su larga scala deve essere caricato nei periodi in cui i prezzi all’ingrosso dell’elettricità sono bassi. Di solito si tratta di periodi con grandi quantità di elettricità immessa in rete da impianti fotovoltaici o parchi eolici. Lo scarico deve avvenire quando i prezzi dell’elettricità sono alti e solo una piccola quota di energia rinnovabile è disponibile. Allo stesso tempo, l’impianto di stoccaggio garantirà la sicurezza dell’approvvigionamento. “Le reti elettriche possono trasportare l’energia su lunghe distanze, ma non nel tempo”, continua Gallmetzer. “Per questo abbiamo bisogno di strutture di stoccaggio che immagazzinino temporaneamente l’elettricità rinnovabile e la reimmettano nella rete pubblica nei periodi di oscurità o quando il vento non soffia. In questo modo, sarebbe possibile ridurre ulteriormente l’uso delle centrali elettriche fossili senza mettere a rischio la sicurezza dell’approvvigionamento”.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.