O&M, Wood Mackenzie: maggiore concorrenza sui prezzi, ma aumento dei costi nel lungo termine

Share

I primi 15 fornitori globali di O&M per il fotovoltaico hanno ampliato il loro portafoglio complessivo per un volume totale di 115 gigawatt in corrente continua (GWdc), con una crescita annua del 13%, dice Wood Mackenzie. I primi tre fornitori in termini di classifica sono rimasti invariati rispetto al 2021, con NovaSource leader, seguita da SOLV Energy e Solarig.

“Nell’intero portafoglio valutato da Wood Mackenzie, i fornitori hanno ampliato la loro capacità con contratti O&M del 18% nel 2022, per un volume totale di 207 GWdc. A livello regionale, il Nord America ha registrato la crescita maggiore in termini di volume, con un’espansione di 13 GWdc nel 2022 e un totale di 86 GWdc. Segue l’area EMEA, con un’espansione del 23% nel 2022 per un totale di 59 GWdc. L’APeC ha aumentato il proprio portafoglio di 2,6 GWdc, raggiungendo i 40 GWdc, mentre l’America Latina ha registrato un’espansione di 4,7 GWdc, raggiungendo i 20 GWdc – il tasso di crescita più elevato a livello globale”, ha detto il gruppo di ricerca e consulenza con sede a Edinburgo.

Secondo il rapporto “2023 Global PV O&M service provider dynamics”, i primi 15 fornitori nel portafoglio tracciato da Wood Mackenzie hanno aggiunto 13 GWdc ai loro portafogli complessivi nel 2022.

“Ciononostante hanno subito una contrazione del mercato del 2,8%, con una quota di mercato del 56% rispetto al 58% del 2021, a dimostrazione della frammentazione del settore O&M del fotovoltaico”

La transazione di RES Group evidenzia il crescente interesse dei fornitori di servizi per la copertura di impianti rinnovabili multi-tecnologici. Pertanto, vi sono ampie opportunità per potenziali nuove transazioni M&A incentrate sulla sinergia di fornitori di servizi che cercano un’ulteriore diversificazione tecnologica, ha detto Leila Garcia da Fonseca, direttrice della ricerca sulle rinnovabili – Americhe di Wood Mackenzie

“Dopo diversi anni di consolidamento, nel 2022 abbiamo assistito a un’effettiva frammentazione di questo mercato. Il panorama dell’O&M sta cambiando rapidamente. Questo è particolarmente evidente con il recente annuncio dell’acquisizione di Ingeteam da parte di RES Group, che diventerà un fornitore di servizi globale unico nel suo genere dopo la chiusura dell’accordo. Questa mossa lo renderà probabilmente uno dei maggiori fornitori di O&M cross-tech del settore, portando potenzialmente lo sviluppatore al quarto posto nella classifica O&M del solare a livello globale”.

Secondo il rapporto, i prezzi dei contratti O&M per i progetti utility-scale negli Stati Uniti sono scesi nel 2022 con una media di 7,9 USD/kWdc/anno, con un calo del 22%. L’area EMEA detiene il costo più alto per MW per i progetti utility-scale, seguita da Nord America e APAC.

“Sebbene l’ulteriore consolidamento del mercato si traduca probabilmente in una maggiore concorrenza sui prezzi, a lungo termine prevediamo ancora un aumento dei costi”, ha dichiarato Garcia da Fonseca. “L’aumento del costo della manodopera e l’inflazione generale faranno lievitare i costi. Il recente calo è stato determinato da un maggior numero di operatori sul mercato e da prezzi competitivi, oltre che dall’adozione di soluzioni digitali”.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.