I prezzi dei moduli solari scendono al minimo storico

Share

Il Chinese Module Marker (CMM), la valutazione di riferimento dell’OPIS per i moduli Mono PERC provenienti dalla Cina, e i prezzi dei moduli TOPCon sono diminuiti questa settimana dello stesso importo di 0,005 dollari per Wp, rispettivamente a 0,140 dollari/Wp e 0,147 dollari/Wp. Con il calo dei prezzi a monte e la debolezza della domanda in Cina e nei suoi principali mercati di esportazione, questi sono i prezzi più bassi mai registrati, secondo i dati OPIS.

I prezzi a monte di tutta la catena di approvvigionamento in Cina continuano a scendere, pesando sui prezzi dei moduli. I prezzi del polisilicio in Cina hanno ampliato le perdite con un calo di 3,33 yuan/kg, pari al 4,19%, a 76,17 yuan/kg questa settimana. I segmenti dei wafer e delle celle hanno registrato un calo dei prezzi per la terza settimana consecutiva, con le celle Mono G12 che hanno subito un crollo del 10,45% a 0,0703 dollari/wp. Sia gli acquirenti che i venditori di moduli hanno registrato prezzi più bassi durante l’indagine di mercato settimanale di OPIS. I moduli di tipo P sono sulla soglia di 1 yuan/W, mentre quelli di tipo N sono vengono poco più del 10% in più, ha dichiarato uno sviluppatore.

Il sentimento in Cina rimane ribassista. Sebbene la domanda interna deriverà dalle installazioni del quarto trimestre, questo è tipicamente un periodo di bassa domanda, hanno concordato diverse fonti. Poiché i terreni disponibili per i progetti stanno diminuendo, la domanda non sarà così alta come si sperava, ha spiegato un produttore di moduli. Gli ordini firmati lo scorso trimestre sono stati cancellati e gli acquirenti vogliono rifirmare i contratti agli attuali prezzi bassi, ha detto un altro produttore di moduli. Anche il quadro dell’offerta è cupo: secondo un venditore, i produttori cinesi di moduli hanno 1-2 mesi di scorte.

I principali mercati di esportazione della Cina continuano a essere in difficoltà, con scorte nel mercato europeo distribuito così ampie che “sostanzialmente non c’è bisogno di ricostituire l’offerta”, secondo una fonte. Anche con i prezzi bassi, le autorizzazioni per i progetti a terra sono lente e la manodopera per la realizzazione dei progetti è insufficiente. In America Latina, anche il mercato brasiliano sta affrontando una situazione di debolezza. Secondo un venditore, il Brasile sta “accumulando troppe scorte”.

In prospettiva, si prevede che i prezzi dei moduli continueranno a scendere verso la fine dell’anno, come ha appreso OPIS durante la sua indagine di mercato settimanale. Molte fonti hanno sottolineato come l’era di 1 yuan/W sia già arrivata, con una recente gara d’appalto importante in Cina che ha visto offerte per moduli di tipo P fino a 0,993 yuan/W. È in arrivo una “concorrenza brutale” e “il consolidamento del settore potrebbe subire un ulteriore impulso”, secondo un veterano del mercato solare.

OPIS, una società di Dow Jones, fornisce prezzi dell’energia, notizie, dati e analisi su benzina, gasolio, jet fuel, GPL/NGL, carbone, metalli e prodotti chimici, oltre a carburanti rinnovabili e materie prime ambientali. Nel 2022 ha acquisito i dati sui prezzi dal Singapore Solar Exchange e ora pubblica l’OPIS APAC Solar Weekly Report.

I punti di vista e le opinioni espressi nel presente articolo sono quelli dell’autore e non riflettono necessariamente quelli di pv magazine.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

Sardegna, la moratoria per eolico e fotovoltaico è legge
02 Luglio 2024 Il Consiglio regionale della Sardegna ha approvato stamattina il disegno di legge n. 15/A, ovvero il provvedimento che decreta per 18 mesi lo stop all...