I prezzi dei moduli solari potrebbero raggiungere 0,10 dollari/W entro la fine del 2024

Share

Secondo Tim Buckley, direttore del think tank australiano Climate Energy Finance (CEF), i prezzi dei moduli solari potrebbero avvicinarsi alla soglia di 0,10 dollari/W entro la fine del 2024 o eventualmente nel 2025.

“Questo sarebbe un bel passo avanti rispetto alla previsione di 0,10 dollari/W entro il 2030 fatta da Martin Green tre anni fa”, ha dichiarato a pv magazine, aggiungendo di essere giunto a questa conclusione dopo aver stimato che le nuove aggiunte annuali di fotovoltaico potrebbero raggiungere tra i 600 GW e 1 TW già entro la fine di questo decennio. “Sono molto ottimista sul tasso di crescita globale delle installazioni solari nei prossimi anni. L’invasione dell’Ucraina da parte di Putin ha ricordato a tutti la necessità di garantire la sicurezza della catena di approvvigionamento e dell’energia, in particolare per quanto riguarda la dipendenza dalle importazioni di energia”.

Buckley ha anche osservato che il probabile nuovo accordo sul clima stipulato dal Presidente cinese Xi Jinping e dal Presidente degli Stati Uniti Joe Biden potrebbe prevedere un invito formale a triplicare la capacità delle energie rinnovabili a livello globale entro il 2030.

“In un momento in cui i costi degli investimenti di capitale sono in picchiata, la possibilità di investire in un solare deflazionistico è un’enorme manna globale, che darà sollievo alla pressione del costo della vita e migliorerà la sicurezza energetica”, ha affermato.

Problemi di sovraccapacità

Buckley ha affermato che la pressione sui prezzi aumenterà a causa degli sbalorditivi aumenti di capacità annunciati dall’industria fotovoltaica a livello globale, anche se ha messo in dubbio una recente previsione dell’Agenzia Internazionale dell’Energia (AIE) nel suo World Energy Outlook 2023, secondo cui la capacità solare installata cumulativa a livello mondiale potrebbe raggiungere i 2 TW entro il 2025.

“Trovo ridicola l’ipotesi dell’AIE secondo cui i cinesi faranno funzionare le loro nuove fabbriche solo per il 35% del tempo”, ha aggiunto. “Quando questa nuova capacità verrà messa in funzione per un anno intero, mi aspetto che i dati dell’AIE siano sottovalutati di oltre il 50% in termini di installazioni solari annuali globali”.

Buckley stima che i prezzi dei moduli solari scenderanno del 40% quest’anno.

“Questo darà a molti investitori negli Stati Uniti, in India, nell’UE e in Cina buone ragioni per fermarsi o ripensare le ipotesi finanziarie che hanno sostenuto i loro annunci di massicce espansioni di capacità”, ha affermato. “A fronte di ciò, sia gli Stati Uniti che l’India hanno dazi del 40% sull’importazione di moduli solari rispetto ai prodotti cinesi, quindi sono in gran parte isolati da un’eccessiva concorrenza sui prezzi e condividono anche i risparmi sui costi derivanti dal calo del 70% del prezzo del polisilicio nell’ultimo anno”.

La rapida deflazione e l’eccessiva pressione sui prezzi, invece, potrebbero presto portare alla chiusura di impianti di produzione solare di vecchia tecnologia e su scala inferiore, sia in Cina che a livello globale.

“I vecchi impianti non possono competere con i vantaggi di scala e gli investimenti in nuove tecnologie delle aziende leader mondiali del settore, quasi tutte cinesi”, ha dichiarato Buckley.

Nuovo ciclo

Descrivendo questo nuovo ciclo industriale per la tecnologia solare fotovoltaica, Buckley ha affermato che è diverso da quelli precedenti, in quanto il solare è ora l’elettricità più economica, il che sta distruggendo i concorrenti storici del settore. “Ciò significa che i finanziamenti si allontaneranno rapidamente dall’investire in nuove capacità di energia termica nel settore dell’elettricità a livello globale”, ha affermato.

L’analista è convinto che la finanza non prenderà queste decisioni solo per questioni ambientali, sociali e di governance (ESG) o per motivi moralistici o climatici, ma diminuirà gli investimenti in capacità termica perché non fornirà nuovi finanziamenti ad asset inevitabilmente stranded, in particolare con la contemporanea rapida crescita dello stoccaggio di energia a batteria e dei veicoli elettrici.

“Questa volta è diverso a causa della convergenza dei mercati dell’energia, dell’industria e dei trasporti”, ha affermato Buckley.

Tim Buckley è l’autore principale di “Solar pivot: A massive global solar boom is disrupting energy markets and speeding the transition“, pubblicato da CEF a giugno. Buckley e i suoi colleghi hanno dichiarato di aver stimato che i costi dell’elettricità solare scenderanno del 10% all’anno per il resto di questo decennio, fino a dimezzarsi entro il 2030. Il rapporto fornisce anche informazioni dettagliate sulla capacità operativa e pianificata della filiera fotovoltaica globale.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.