La guerra in Ucraina ha innescato una fase unica nella storia delle rinnovabili

Share

La straordinaria impennata della domanda di energia rinnovabile innescata dall’inizio della guerra in Ucraina, con il conseguente enorme aumento della capacità produttiva globale dell’industria delle rinnovabili, potrebbe aver rappresentato una fase unica nella storia delle energie pulite, oltre che nel discorso politico sulle questioni energetiche.

È questa la conclusione di un recente studio condotto da un gruppo di ricercatori dell’Università di Friburgo e dell’Università di Münster in Germania, in cui gli autori hanno analizzato le ripercussioni della guerra sul dibattito pubblico nel loro Paese.

“È stato un momento storico particolare e non vedo perché questa dinamica debba continuare o diventare un ciclo regolare”, ha dichiarato a pv magazine l’autore corrispondente della ricerca, Thilo Wiertz. “Ciò che mi sembra chiaro è che la Germania non tornerà ai tempi del gas naturale a basso costo. La Germania sta costruendo grandi capacità di importazione di gas naturale liquido (LNG) e questo contribuisce a mantenere i prezzi ragionevolmente stabili”.

Wiertz ha riconosciuto che in futuro potrebbero verificarsi altre crisi globali, ma non vede motivi per ipotizzare uno schema regolare. Ritiene che il GNL continuerà ad essere più costoso rispetto alle passate importazioni di gasdotti dalla Russia e sarà in conflitto con gli impegni politici di riduzione delle emissioni. “Allo stesso tempo, i costi per la produzione di energia rinnovabile rimarranno bassi, soprattutto a livello internazionale”, ha affermato.

Secondo Wiertz, l’esperienza della crisi ha aumentato la consapevolezza politica e pubblica delle vulnerabilità derivanti dalla dipendenza dalle importazioni di combustibili fossili. Queste vulnerabilità non sono nuove, ma sono state in gran parte assenti dal discorso energetico tedesco negli ultimi decenni.

“Prima della guerra contro l’Ucraina e della successiva crisi energetica, le energie rinnovabili erano percepite da molti come costose e inaffidabili”, ha dichiarato. “I combustibili fossili, al contrario, erano percepiti come problematici dal punto di vista ambientale, ma più solidi dal punto di vista economico. Questo quadro si sta lentamente capovolgendo: Le energie rinnovabili sono ora presentate come un modo per diversificare le importazioni, diminuire la dipendenza e rafforzare la sovranità energetica”.

Questa visione è sostenuta anche dal calo dei costi di produzione delle energie rinnovabili, in particolare del fotovoltaico, e dalle visioni di un rapido avvio di un’economia globale dell’idrogeno. “Forse stiamo entrando in un periodo in cui le energie rinnovabili sono considerate non solo rispettose dell’ambiente, ma anche economicamente e politicamente più affidabili”, ha aggiunto Wiertz. “I combustibili fossili, invece, sono sempre più considerati un rischio geopolitico e un peso del passato. E a ragione”.

Nel documento “A Turn to Geopolitics: Shifts in the German Energy Transition Discourse in Light of Russia’s War Against Ukraine”, pubblicato su Energy Research & Social Science, Wiertz e il suo gruppo hanno analizzato articoli di giornale, tweet, talk show e discorsi parlamentari pubblicati subito dopo lo scoppio della guerra in Ucraina e hanno scoperto che il discorso politico ha segnato una svolta geopolitica nella transizione energetica della Germania, la cosiddetta Energiewende.

I ricercatori hanno identificato, in particolare, quattro cambiamenti discorsivi nel dibattito politico in Germania. Il primo riguarda la questione se le importazioni di gas dalla Russia ostacolino o favoriscano la transizione, mentre il secondo riguarda un “nuovo imperativo morale” per ridurre la dipendenza dai combustibili fossili. Il terzo spostamento riguarda la possibilità di utilizzare le fonti energetiche convenzionali come tecnologie ponte, mentre il quarto inquadra la discussione sulla transizione energetica in termini di sicurezza, libertà e sovranità.

“I cambiamenti discorsivi che abbiamo identificato sono cruciali per comprendere il futuro politico dell’Energiewende e, più in generale, della politica energetica tedesca”, spiegano i ricercatori. “Al momento in cui scriviamo, la guerra continua nel suo secondo anno. È ragionevole supporre che la nuova razionalità geopolitica e le linee di argomentazione identificate daranno forma alla transizione energetica in Germania nel prossimo futuro – e rimescoleranno le posizioni ideologiche consolidate”.

I ricercatori si aspettano che tutti i partiti politici riconsiderino la loro posizione nei confronti della Enegiewende, sottolineando che i discorsi possono cambiare rapidamente se le circostanze cambiano. “Mentre l’analisi del discorso si concentra spesso sul modo in cui certe prospettive diventano egemoniche nel tempo, nel contesto delle crisi può aiutare a identificare i cambiamenti in una fase iniziale”, hanno affermato.

I punti di vista e le opinioni espressi nel presente articolo sono quelli dell’autore e non riflettono necessariamente quelli di pv magazine.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.