L’agrivoltaico può aumentare la qualità del foraggio nelle regioni semi-aride

Share

I ricercatori della Colorado State University, negli Stati Uniti, hanno studiato l’impatto di un sistema agrivoltaico su prati semi-aridi precedentemente gestiti per la produzione di fieno. Il team ha esaminato, in particolare, come la prateria ha risposto a diverse strategie di gestione del pascolo simulate all’interno del campo agrivoltaico.

“Questo è il primo studio a verificare come la quantità e la qualità del foraggio rispondano al pascolo simulato nel clima semi-arido del Colorado”, ha dichiarato a pc magazine l’autore corrispondente della ricerca, Matthew Sturchio. “La capacità delle piante di ricrescere in diverse fasi della stagione di crescita, quando le condizioni ambientali diventano più calde e secche, è importante per determinare le migliori pratiche di gestione del pascolo nei sistemi agrivoltaici delle praterie”.

Gli scienziati hanno effettuato le misurazioni presso il Jack’s Solar Garden (JSG), un impianto di apprendimento e ricerca agrivoltaico sopraelevato e orientato a sud che utilizza sistemi di tracciamento a singolo asse vicino a Longmont, in Colorado. Hanno quantificato come la tempistica del pascolo altera la produttività complessiva e se la qualità del foraggio cambia durante la stagione di crescita.

La loro analisi ha preso in considerazione la temperatura dell’aria e l’umidità relativa durante la stagione di crescita, da maggio a settembre 2022. Questi dati sono stati poi utilizzati per calcolare il deficit di pressione di vapore (VPD), che è la differenza tra la quantità di umidità effettivamente presente nell’aria e la quantità di umidità che l’aria potrebbe contenere in condizioni di saturazione.

L’obiettivo principale era valutare come i pannelli fotovoltaici alterassero i modelli di produzione di foraggio, tecnicamente nota come produzione primaria netta in superficie (ANPP), e la qualità del foraggio. “L’ANPP nelle praterie è un servizio ecosistemico prezioso, importante per l’economia del pascolo come uso agricolo del suolo”, spiegano gli studiosi, che hanno confrontato i risultati della simulazione della prateria non pascolata sotto i pannelli con un’area di riferimento non pascolata senza moduli fotovoltaici.

Le misurazioni hanno mostrato che il sistema agrivoltaico non ha avuto un impatto significativo sui totali di ANPP a fine stagione in assenza di attività di pascolo simulate.

“Ancora più importante, la ricrescita dopo il pascolo simulato ha portato a una ANPP uguale o maggiore rispetto ai siti non pascolati in tutte le posizioni microambientali dell’array”, ha detto il team. “Questo risultato indica che una prateria semiarida a bassa diversità gestita in precedenza può mantenere la produttività all’interno di un campo agrivoltaico e che è improbabile che la tempistica del pascolo influisca fortemente sulla produttività totale annuale”.

Nel complesso, i risultati indicano che la qualità del foraggio nelle regioni semi-aride può persino essere aumentata e protratta nella stagione di crescita con il pascolo sotto i pannelli solari.

Il gruppo ha presentato i suoi risultati nello studio “Agrivoltaic arrays can maintain semi-arid grassland productivity and extend the seasonality of forage quality”, pubblicato su Applied Energy.

Lo scorso anno, un altro gruppo di ricerca della Colorado State University ha studiato come i sistemi agrivoltaici montati su inseguitori a singolo asse influenzino le precipitazioni e la ridistribuzione della luce in un impianto da 1,2 MW su un prato a Boulder. Il team ritiene che la comprensione degli effetti dei sistemi agrivoltaici a singolo asse sulle precipitazioni e sulla ridistribuzione della luce e il conseguente impatto sulla produttività delle colture possa contribuire a ripristinare i terreni degradati dal pascolo eccessivo, dalle pratiche agricole e dalla scarsità d’acqua.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.