Il Consiglio e il Parlamento europeo adottano la legge sull’industria a zero emissioni: in arrivo le aste per la resilienza

Share

Le aste per la resilienza sono in arrivo nell’Unione Europea. In futuro, il 30% dei progetti assegnati nelle gare d’appalto pubbliche dovrà soddisfare i criteri di resilienza. Per il momento non ci saranno tariffe o altre barriere commerciali. Questo è stato il risultato provvisorio dei negoziati a tre tra Commissione, Consiglio e Parlamento dell’UE sulla legge sull’industria a zero emissioni (Net-Zero Industry Act). La legge intende aiutare i produttori di industrie rilevanti dal punto di vista energetico, come la produzione di moduli, a diventare più competitivi e a diversificare la catena di approvvigionamento nel settore energetico.

In risposta ai prezzi energetici enormemente elevati riscontrati in tutta Europa nel 2022, la Commissione ha presentato per la prima volta la sua proposta di legge sull’industria a zero emissioni nel 2023. In essa si affermava che in futuro l’Unione Europea non avrebbe dovuto dipendere da un solo Paese per l’approvvigionamento energetico e avrebbe dovuto sviluppare una produzione propria. Rivolgendosi al Parlamento europeo il 5 febbraio, il commissario europeo per le finanze Mairead McGuinness ha sottolineato che il 97% dei moduli solari installati annualmente nella comunità internazionale proviene da Paesi terzi, e la maggior parte di essi dalla Cina. Il fattore trainante è il prezzo, in quanto i produttori europei non sono in grado di competere con i concorrenti stranieri. Il Consiglio e il Parlamento hanno deciso di stabilire nuove regole per le gare d’appalto pubbliche nel tentativo di sostenere l’accesso al mercato per i produttori nazionali.

Accesso al mercato per l’eolico e il solare

Il Consiglio dei Ministri e il Parlamento europeo hanno discusso i dettagli della legge sull’industria a zero emissioni dal marzo 2023. I due temi più dibattuti hanno riguardato l’accesso al mercato (articolo 20) e la definizione delle tecnologie a zero emissioni nell’allegato – l’energia nucleare.

Le due istituzioni europee hanno ora deciso che ogni Stato membro con un volume di gare d’appalto superiore a 6 GW di energia rinnovabile all’anno deve selezionare il 30% dei volumi in gara secondo criteri di resilienza.

I fornitori di tecnologia saranno valutati in base a un codice di condotta aziendale responsabile, alla sicurezza informatica e dei dati e alla capacità di fornitura. Saranno valutate anche le credenziali di sostenibilità e resilienza dei fornitori. Ad esempio, solo il 50% dei moduli nelle aste di ogni Stato membro può essere importato da un singolo Paese all’anno. La produzione dovrebbe inoltre essere più rispettosa dell’ambiente rispetto al minimo richiesto dagli standard internazionali. I criteri dovrebbero premiare l’uso di tecnologie particolarmente innovative o che facilitano l’integrazione nella rete.

Ogni Stato membro è libero di decidere l’importanza di ciascun aspetto dei criteri nel proprio mercato. Ad esempio, la protezione dell’ambiente nella produzione può essere considerata più importante dell’innovazione o dell’utilità della rete, o viceversa.

In pratica, molto probabilmente ci sarà un’asta con moduli “non resilienti” e una con moduli “resilienti”.

Tempistiche per l’introduzione

C’è stata una controversia sulla data di entrata in vigore dei nuovi regolamenti. La precedente proposta del Consiglio del dicembre 2023 non faceva distinzione tra eolico e solare. I criteri dovevano essere applicati a entrambe le forme di generazione energetica a partire da nove mesi dopo l’emanazione della legge sull’industria a zero emissioni.

Ciò ha suscitato critiche da parte dell’industria solare, in quanto i produttori europei del settore eolico sono già in grado di soddisfare la domanda del continente, in netto contrasto con la produzione fotovoltaica.

La formulazione esatta dell’accordo finale non era ancora disponibile al momento della pubblicazione, quindi non è ancora chiaro se il Consiglio e il Parlamento abbiano fatto una distinzione tra i tempi di applicazione dei regolamenti per l’energia eolica e il fotovoltaico.

L’energia nucleare è stato un altro pomo della discordia. Mentre l’energia nucleare non è elencata come tecnologia grid-zero nella proposta della Commissione, è inclusa nella proposta del Consiglio dei Ministri a partire dal dicembre 2023. Nella versione attuale, l’energia nucleare è elencata come tecnologia a rete zero nell’atto giuridico. Il prossimo passo sarà l’adozione formale del risultato provvisorio dei negoziati da parte del Consiglio e del Parlamento.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.