Rinnovabili coprono il 52,6% dei volumi di vendita sul Mercato del Giorno Prima a marzo

Share

Le fonti rinnovabili hanno coperto il 52,6% della domanda di elettricità in Italia durante il marzo 2024, rispetto al 37,3% registrato nel marzo 2023. Lo riporta il Gestore dei Mercati Energetici (GME) nella sua ultima nota.

La fonte che è aumentata di più è l’idraulica, cresciuta dell’81,2% a 4.253 GWh. L’idroelettrico ha coperto il 24,2% dei volumi venduti, mentre il fotovoltaico il 13% aumentando del 12,5% rispetto a marzo 2023, seguito dall’eolico con 12,7% che, d’altra parte, ha fatto segnare una flessione del 4%.

La fonte che è diminuita di più sul mercato del giorno prima è il carbone, che ha fatto segnare un -87,5% per attestarsi a coprire solo l’1,4% dei volumi venduti. In calo anche il gas che, pur diminuendo quasi del 20% rispetto al marzo 2023, ha coperto comunque il 37,5% dei volumi venduti. Si tratta comunque della più bassa domanda di gas nel mese di marzo dal 2006.

In aumento le importazioni di energia elettrica, che hanno contribuito, insieme all’autoconsumo, alla diminuzione della produzione nazionale italiana, in calo dell’8% su base annua a 17,6 TWh.

I dati del GME suggeriscono poi che il mercato del giorno prima (MGP) ha registrato un eccesso di offerta, con un volume di offerta di 45,5 TWh rispetto a un volume di scambio di 23,1 TWh.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

FER X transitorio, per ARERA è “necessario ridurre i contingenti”
25 Luglio 2024 L'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) ha inviato al Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE) il parere sull...