La riduzione dell’energia solare in Grecia inizia a farsi sentire

Share

L’operatore del sistema di trasmissione greco, IPTO, ha dichiarato di aver dovuto interrompere le importazioni di energia elettrica dai Paesi limitrofi dal 3 al 7 maggio per garantire il funzionamento sicuro del sistema elettrico greco. In particolare, l’IPTO ha dichiarato che durante questo periodo non ha importato elettricità dall’Italia, dall’Albania, dalla Macedonia settentrionale e dalla Turchia.

Per quanto riguarda l’interconnessione elettrica con la Bulgaria, l’IPTO non ha permesso l’importazione di elettricità dalle 9 alle 16 in quei giorni e ha imposto dei limiti negli altri orari.

Separatamente, fonti di mercato hanno riferito a pv magazine che il 5 maggio l’IPTO ha disconnesso l’intero parco di energie rinnovabili collegato alle linee di trasmissione per alcune ore. Ha inoltre chiesto all’operatore di distribuzione greco, HEDNO, di scollegare un ulteriore 1 GW di impianti solari. La ragione è stata la bassissima domanda di elettricità in occasione della Pasqua ortodossa del 5 maggio in Grecia.

Anche la riduzione dell’energia rinnovabile per il resto del periodo delle vacanze di Pasqua, dal 3 al 7 maggio, è stata molto elevata. Ma le riduzioni per le vacanze di Pasqua non sono state una sorpresa. Ad aprile, Pantelis Biskas – professore presso l’Università Aristotele di Salonicco, Dipartimento di Ingegneria Elettrica e Informatica – aveva avvertito l’assemblea annuale dell’associazione di produttori di energia solare Pospief, con sede a Salonicco, che le riduzioni sarebbero salite alle stelle a Pasqua e da settembre a novembre.

Biskas ha riferito agli investitori che dal 1° marzo al 13 aprile l’IPTO aveva previsto di ridurre 220 GWh di energia rinnovabile, pari a circa il 4% della produzione nazionale di elettricità verde per questo periodo. Questo livello di riduzione potrebbe sembrare basso per alcuni, ma per i produttori fotovoltaici greci è in netto contrasto con gli anni precedenti. Nel 2023, ad esempio, la Grecia ha interrotto un totale di circa 228 GWh.

Ancora più preoccupante è stata la previsione di Biskas secondo cui la riduzione dell’energia rinnovabile in Grecia potrebbe raggiungere il 15% della produzione di elettricità del Paese nel 2030. I partecipanti all’assemblea del Pospief hanno anche espresso preoccupazione per i diversi metodi di riduzione utilizzati dagli operatori delle reti di trasmissione e distribuzione greche.

L’IPTO è in grado di variare la quantità di elettricità solare generata immessa nella rete, ma il gestore della rete di distribuzione HEDNO non segue lo stesso schema. HEDNO permetterà ai parchi solari di essere collegati alla rete oppure li taglierà completamente fuori dalla rete di distribuzione. Dato che molti progetti solari si collegano direttamente alla rete di distribuzione, i modelli di HEDNO influenzano un gran numero di investitori nel settore fotovoltaico.

Questo problema, però, è destinato a risolversi presto. Una nuova legge votata dal Parlamento greco alla fine di aprile impone a tutti gli impianti di energia rinnovabile di potenza superiore a 400 kW di installare le apparecchiature tecniche che consentono a HEDNO di controllare a distanza la produzione dei progetti solari e di variare l’elettricità immessa nella rete di distribuzione.

La discussione all’assemblea di Pospief si è spostata anche sullo stoccaggio dell’energia. L’anno scorso, la Grecia ha lanciato un programma di gare d’appalto per lo stoccaggio di energia da 1 GW tramite batterie installate davanti al contatore. I progetti aggiudicati ricevono sovvenzioni pubbliche. Tuttavia, il segretario generale di Pospief Petros Tsikouras ha dichiarato a pv magazine che la politica del governo greco in materia di accumulo di energia si è mossa nella direzione sbagliata.

“Il governo ha impiegato quattro anni per introdurre un quadro di riferimento per l’accumulo di energia e, quando l’ha fatto, ha consentito solo sistemi di accumulo di energia sovvenzionati davanti al contatore. Al contrario, Pospief chiede al governo di aprire il mercato dell’accumulo di energia ai sistemi di accumulo dietro al contatore che vengono installati senza sovvenzioni. In Grecia c’è una forte propensione agli investimenti per questi sistemi. Il caso commerciale esiste, dato che questi sistemi possono partecipare al mercato dei servizi di bilanciamento del Paese”, ha detto Tsikouras. “È qui che risiede il problema principale. Il governo ha ritardato il quadro normativo sullo stoccaggio dell’energia per dare alle centrali a gas il tempo necessario per sfruttare i vantaggi del mercato dei servizi di bilanciamento. A un certo punto, cederà alle pressioni e permetterà di costruire anche lo stoccaggio di energia dietro al contatore. Fino ad allora, il mercato dei servizi di bilanciamento è dominato dalle centrali del gas, che possono modulare la loro produzione a piacimento”.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.