Svolt abbandona il progetto di aprire una fabbrica di batterie in Germania

Share

Il produttore cinese di batterie Svolt aveva in programma la creazione di due impianti di produzione in Germania, ma ora ha rivalutato la sua strategia di localizzazione. In risposta agli attuali sviluppi del mercato, l’azienda ha annunciato di volersi concentrare maggiormente sulla domanda di accumulatori stazionari in Europa.

L’azienda ha citato come motivazioni l’attuale mercato automobilistico altamente volatile, l’attuale mancanza di pianificazione e di certezza giuridica per la costruzione di impianti di produzione e il fatto che un ampio progetto per i clienti non sarà realizzato come previsto.

“Il mercato automobilistico è attualmente alle prese con notevoli fluttuazioni e sfide in tutto il mondo, soprattutto a causa del passaggio alla mobilità elettrica”, afferma Kai-Uwe Wollenhaupt, presidente di Svolt Europe e vicepresidente senior di Svolt Energy Technology Company Ltd. ”Questo sta portando a una drastica riduzione dei costi. Questo sta portando ad alcuni drastici aggiustamenti di strategia per alcune case automobilistiche”.

Wollenhaupt ha inoltre spiegato che “oltre alla già scarsa certezza di pianificazione a vari livelli – dalla minaccia di tariffe punitive internazionali alle distorsioni del mercato dovute a sussidi lunghi e distribuiti in modo non uniforme”, Svolt ha anche perso un importante progetto cliente. Infine, anche le nuove discussioni sulla fine dei motori a combustione nell’UE stanno avendo un effetto controproducente.

Svolt ha annunciato nel settembre 2022 la costruzione di uno stabilimento con una capacità produttiva annua di 16 GWh a circa 150 chilometri a sud di Berlino. Il sito è stato precedentemente utilizzato da Vestas per la produzione di pale per turbine eoliche. L’inizio della produzione era previsto per l’inizio del 2025.

Ad oggi, Svolt ha già investito nei lavori di riqualificazione degli edifici esistenti e nell’installazione dei sistemi di produzione delle batterie, anche se non ha rivelato l’importo.

Nel suo ultimo comunicato stampa, l’azienda ha anche dichiarato che non ci sono stati cambiamenti nei suoi piani di stabilire un impianto di produzione a Heusweiler, nel Saarland, nel sud-ovest della Germania. Questo sarebbe stato il primo stabilimento europeo di Svolt. Originariamente, l’impianto avrebbe dovuto essere operativo entro la fine del 2023, ma la costruzione è stata ripetutamente ritardata.

L’incertezza della pianificazione sta nuovamente frenando i progressi. “La delibera del consiglio comunale di Überherrn è ancora in attesa di approvazione da parte del ministero competente. In altre parole, l’autorizzazione alla costruzione non è ancora stata concessa”, afferma la società. “Inoltre, sono già state annunciate azioni legali contro il progetto di costruzione… Non appena ci sarà la certezza del diritto, il passo successivo sarà lo studio di fattibilità economica finale”. Svolt Europe stima che questo processo richiederà ancora del tempo.

Oltre alla strategia di localizzazione, Svolt ha anche rivalutato il suo focus sulle vendite. L’azienda vuole concentrarsi “sulle aree di business in cui è possibile utilizzare batterie standardizzate e i relativi sistemi, che sono più facilmente scalabili e più rapidi da implementare”. Ciò include le batterie per i veicoli commerciali, i sistemi di accumulo di energia stazionari e le relative celle, ma anche le applicazioni nel settore non automobilistico.

“Se da un lato l’obiettivo dell’espansione delle vendite è la diversificazione del portafoglio prodotti, dall’altro Svolt si propone di soddisfare in modo più agile la già elevata domanda di soluzioni di accumulo di energia di alta qualità al di fuori del settore delle autovetture”, spiega l’azienda. Questo dovrebbe garantire una maggiore resilienza e aiutare Svolt Europe a diventare più a prova di futuro.

“Continuiamo a considerarci un partner innovativo per l’industria automobilistica. Tuttavia, l’attuale situazione di mercato suggerisce una diversificazione per garantire il nostro futuro economico a medio termine”, afferma Wollenhaupt. “Si tratta di un passo decisivo per diventare più resistenti alle fluttuazioni del mercato e, allo stesso tempo, dare un contributo significativo alla transizione energetica globale”.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.