Per il Berkeley Lab i benefici delle energie rinnovabili superano le stime

Share

I ricercatori del Lawrence Berkeley National Laboratory hanno sviluppato una nuova metodologia per stimare il valore dei benefici per il clima e la qualità dell’aria derivanti dalla generazione eolica e solare. Un rapporto che descrive i risultati di un’analisi dei dati dal 2019 al 2022 utilizzando questa metodologia conclude che la generazione eolica e solare ha fornito 249 miliardi di dollari di benefici per la salute del clima e della qualità dell’aria nel periodo di riferimento.

I sostenitori delle energie rinnovabili sostengono che il costo livellato dell’elettricità (LCOE) non racconta l’intera storia quando si confronta l’economia della generazione eolica e solare con le fonti di energia fossile. Le emissioni delle centrali a gas naturale e a carbone sotto forma di anidride carbonica (CO2), anidride solforosa (SO2) e ossidi di azoto (NOx) influenzano il clima e la qualità dell’aria in modi che dovrebbero essere presi in considerazione nella valutazione dei benefici delle energie rinnovabili.

I ricercatori hanno attinto ai dati di generazione elettrica disponibili pubblicamente e hanno suddiviso gli Stati Uniti continentali in 10 regioni in cui l’energia eolica o solare ha fornito almeno il 3% della domanda di elettricità. Un’undicesima regione, centrata sul Tennessee, è stata esclusa perché le soglie non erano state raggiunte. La metodologia misura la generazione giornaliera da fonti appropriate (solare, eolico, gas e carbone) per regione e una media annuale delle emissioni per regione. Il motivo della media delle emissioni è che in genere c’è un ritardo significativo nella disponibilità dei dati giornalieri sulle emissioni.

Secondo il rapporto, nel 2022 la media ponderata della generazione in tutte le regioni mostra che 1 MWh di generazione eolica compensa 0,89 MWh di generazione fossile (0,29 MWh di generazione a carbone e 0,60 MWh di generazione a gas); e che 1 MWh di generazione solare compensa 0,76 MWh di generazione fossile (0,14 MWh di generazione a carbone e 0,62 MWh di generazione a gas).

Le compensazioni non sono uno a uno a causa delle perdite di trasmissione delle fonti solari ed eoliche, che tendono a essere situate più lontane dai consumatori rispetto alle fonti a combustibili fossili, e dei problemi di riduzione delle emissioni. Inoltre, una parte della generazione viene assorbita dalle batterie di accumulo, che non sono state considerate nel metodo di analisi. Altre fonti come il nucleare e l’idroelettrico non sono in genere sostituite dalla generazione solare ed eolica e quindi non sono state prese in considerazione.

Per determinare il valore in dollari dei benefici per il clima e la qualità dell’aria derivanti dalla riduzione delle emissioni, i ricercatori si sono rivolti a rapporti pubblicati su riviste scientifiche: un articolo del 2022 su Nature per determinare il costo sociale del carbonio e un articolo del 2019 su Environmental Research Letters che ha valutato i costi sociali di inquinanti come SO2 e NOx.

Con le compensazioni della generazione e i costi sociali delle emissioni, i ricercatori del Berkeley Lab hanno potuto calcolare i benefici per la salute della generazione rinnovabile. Gli studiosi hanno scoperto che i 435,6 TWh di generazione eolica prodotti negli Stati Uniti nel 2022 hanno evitato 228.798 chilotoni (KT) di CO2, 116 KT di SO2 e 129 KT di emissioni di NOx, con benefici complessivi per la salute pari a 62,4 miliardi di dollari. L’energia solare ha fornito 116,1 TWh di generazione, evitando 45.729 KT di CO2, 15 KT di SO2 e 28 KT di NOx, per un totale di 11,6 miliardi di dollari di benefici per la salute.

Secondo i ricercatori, la nuova metodologia dimostra che i benefici della generazione da fonti rinnovabili sono molto più elevati di quanto stimato in precedenza e potrebbe contribuire a sostenere la necessità di aumentare la penetrazione dell’eolico e del solare negli Stati Uniti. Inoltre, gli strumenti di analisi potrebbero essere applicati ovunque siano disponibili dati sufficienti.

“I dati relativamente semplici necessari per il nostro approccio aumentano la possibilità di adattarlo ad altre regioni del mondo”, hanno dichiarato i ricercatori.

Questo articolo è stato scritto da Michael Puttré.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.