Lazard: costo dell’energia da fonti fossili doppio di quello da progetti FV utility-scale

Share

Lazard ha pubblicato un rapporto che analizza il LCOE, una misura critica dell’efficienza dei costi delle fonti di generazione tra i vari tipi di tecnologia. Il rapporto ha rilevato che l’eolico onshore e l’energia solare utility scale hanno il LCOE più basso con un ampio margine.

Il LCOE calcola il valore attuale del costo totale di costruzione e gestione di una centrale elettrica per un periodo di vita presunto.

“Nonostante il calo dei LCOE di fascia alta per alcune tecnologie di energia rinnovabile, i LCOE di fascia bassa sono aumentati per la prima volta in assoluto, a causa della persistenza di alcune pressioni sui costi (ad esempio, tassi di interesse elevati, ecc.)”, ha dichiarato Lazard. “Questi due fenomeni si traducono in intervalli di LCOE più stretti (compensando la significativa espansione dell’intervallo osservata lo scorso anno) e in medie di LCOE relativamente stabili nel corso dell’anno”.

L’eolico onshore si è classificato come la fonte di produzione di energia elettrica di nuova costruzione più bassa, con prezzi compresi tra 27 $/MWh e 73 $/MWh. L’energia solare su scala industriale si è piazzata al secondo posto, con un valore compreso tra 29 $/MWh e 92 $/MWh.

L’energia solare utility scale ha avuto la curva di riduzione dei costi più ripida di tutte le tecnologie, con un calo di circa l’83% dal 2009, quando la generazione solare di nuova costruzione aveva un LCOE di oltre 350 dollari/MWh.

Il solare utility scale ha un costo di gran lunga inferiore al LCOE del carbone, la fonte di generazione a combustibile fossile meno costosa. Il LCOE del carbone varia da 69$/MWh a 169$/MWh, il che lo rende quasi doppio rispetto al LCOE medio degli impianti solari su scala pubblica.

Nel frattempo, gli impianti a gas naturale sono altamente inefficienti in termini di LCOE, con un valore compreso tra 110 $/MWh e 228 $/MWh. L’energia nucleare ha registrato il più alto LCOE su scala pubblica, con una media di 182 dollari/MWh.

 

Il LCOE è una misura rilevante per confrontare l’efficacia dei costi delle tecnologie, ma non racconta l’intera storia. Ad esempio, una ricerca del Lawrence Berkeley National Laboratory ha rilevato che la generazione eolica e solare ha fornito 249 miliardi di dollari di benefici per il clima e la qualità dell’aria dal 2019 al 2022, ovvero oltre 62 miliardi di dollari all’anno.

Mentre l’energia solare utility scale ha registrato l’LCOE più basso, anche i costi dei progetti solari distribuiti sono diminuiti. I progetti commerciali e industriali variavano da 54 a 191 dollari per MWh. Il solare residenziale variava da 122$/MWh a 284$/MWh, rendendolo una fonte di generazione più costosa.

Tuttavia, l’LCOE non tiene conto dei vantaggi in termini di costi, come la minore necessità di costruire trasmissioni a lunga distanza che si verifica con l’installazione di impianti solari distribuiti sui tetti. Environment America ha pubblicato un rapporto che valuta i co-benefici del solare su tetto, consultabile qui.

Lazard ha anche analizzato l’impatto sui costi dell’Inflation Reduction Act (IRA), che comprende sia i crediti d’imposta sulla produzione basati sulla generazione, sia i crediti d’imposta sugli investimenti basati sul progetto per le attività di energia rinnovabile. Il grafico sottostante modella l’impatto dei costi su queste tecnologie, come si vede qui sotto.

LCOE

Immagine: Lazard

Anche l’accumulo di energia ha registrato miglioramenti dei costi grazie all’IRA. Il costo livellato dell’accumulo (LCOS) per un sistema di accumulo utility scale, da 100 MW e della durata di 4 ore, variava da 170 $/MWh a 296 $/MWh prima dell’IRA. Dopo l’IRA, la fascia bassa dell’intervallo LCOS si è attestata a 124 dollari/MWh.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

Sardegna, la moratoria per eolico e fotovoltaico è legge
02 Luglio 2024 Il Consiglio regionale della Sardegna ha approvato stamattina il disegno di legge n. 15/A, ovvero il provvedimento che decreta per 18 mesi lo stop all...