Produttore cinese di celle solari costruirà fabbrica da 10 GW in Oman

Share

Il produttore cinese di celle solari Hainan Drinda New Energy Technology, quotato a Shenzhen, ha dichiarato di aver firmato un accordo con l’Oman Investment Authority (OIA) per la costruzione di un impianto di produzione di celle da 10 GW in Oman. L’investimento totale per il progetto è di circa 5,078 miliardi di CNY (650 milioni di euro).

La costruzione dello stabilimento sarà affidata a JTPV, una società interamente controllata da Drinda, un importante fornitore indipendente di celle quotato alla Borsa di Shenzhen. Si tratta del primo progetto di investimento all’estero annunciato pubblicamente da Drinda e JTPV.

Drinda, fondata nel 2003, si è inizialmente concentrata sulla produzione di componenti interni per auto, prima di avventurarsi nel settore solare nel 2020. Nel 2021, Drinda ha acquisito una partecipazione del 51% in JTPV, un veterano produttore di celle solari, spostando la sua attività verso il settore fotovoltaico e dismettendo il settore degli interni per auto. Nel 2022, Drinda ha completato l’acquisizione del restante 49% di JTPV, raggiungendo la piena proprietà.

Alla fine del 2023, Drinda e JTPV avevano una capacità produttiva di 9,5 GW per le celle PERC di tipo p e di 40 GW per le celle TOPCon di tipo n, con un’efficienza di conversione media superiore al 26%. La relazione finanziaria di Drinda per il 2023 ha rivelato che oltre il 99% dei ricavi proveniva dalla vendita di celle solari, con un utile netto di 820 milioni di CNY.

Drinda si sta espandendo attivamente nei mercati internazionali. Tra i cinque obiettivi di sviluppo per il 2024, due si concentrano sull’espansione all’estero. Drinda ha dichiarato di voler rafforzare lo sviluppo dei clienti nei mercati emergenti come l’Europa, le Americhe, il Medio Oriente e il Sud-Est asiatico, di migliorare la propria rete di vendita globale e di aumentare le vendite all’estero fino a superare il 10% del fatturato totale nel 2024.

Drinda è una delle numerose imprese fotovoltaiche cinesi che stanno investendo in Medio Oriente. A giugno, GCL ha annunciato una potenziale collaborazione con Mubadala per stabilire la sua prima fabbrica di materiali di silicio all’estero negli Emirati Arabi Uniti. In precedenza, anche Trina Solar e Arctech Solar avevano rivelato l’intenzione di investire in capacità produttive in Medio Oriente.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

Le azioni di SunPower scendono del 70%
22 Luglio 2024 Il prezzo delle azioni della società è sceso al di sotto di 1 dollaro dopo aver annunciato l'interruzione di alcune operazioni e la cessazione delle o...