L’impiego delle batterie Tesla è aumentato nel secondo trimestre

Share

Tesla ha stabilito un record aziendale distribuendo 9,4 GWh di accumulo di energia nel secondo trimestre del 2024, più che raddoppiando il suo più grande impiego trimestrale precedente. Il valore di 9,4 GWh è stato superiore del 131% rispetto al trimestre precedente e del 157% rispetto al volume distribuito nel secondo trimestre del 2023.

I primi due trimestri di installazione di accumulatori di energia nel 2024 corrispondono a poco più del 91% dell’intera capacità installata nel 2023, con il secondo trimestre che da solo corrisponde a quasi il 64% della capacità di installazione totale del 2023.

L’annuncio è stato fatto in una sezione non convenzionale del comunicato stampa di fine trimestre di Tesla, che di solito si concentra sul numero di veicoli prodotti. Il comunicato di questo trimestre ha evidenziato i significativi passi avanti compiuti dall’azienda nel settore dello stoccaggio dell’energia, dimostrando la sua crescente importanza per il risultato finale.

Dal 2016 al primo trimestre del 2024, il settore energetico di Tesla ha sempre contribuito per meno del 10% al fatturato totale. Le uniche eccezioni si sono verificate nel 2017, dove il contributo ha raggiunto il 9,49%, e nel primo trimestre del 2024, con il 9,41%, mentre in tutti gli altri periodi il contributo è rimasto inferiore al 7,25%. In base alle stime ricavate dai veicoli venduti e all’aumento sostanziale previsto dei ricavi da accumulo di energia, prevediamo che i ricavi da energia rappresenteranno dal 15% al 21% dei ricavi complessivi di Tesla nei prossimi periodi, con una probabile tendenza verso l’estremità superiore di questa fascia.

L’aumento di capacità fa seguito all’avvio delle attività degli impianti di assemblaggio Megapack di Tesla a Lathrop, in California, nel 2022, e a Shanghai, annunciato nel 2023. Ogni impianto è in grado di fornire fino a 40 GWh di Megapack all’anno.

A differenza dei suoi regolari aggiornamenti sulla produzione di veicoli, Tesla non rende noto il volume dei prodotti di accumulo di energia fabbricati ogni trimestre. Invece, riporta i ricavi dei prodotti che può riconoscere, che coincidono con l’attivazione dei pacchi batteria.

L’immagine in evidenza in questo articolo mostra l’impianto di stoccaggio di energia Sierra Estrella in Arizona, recentemente attivato.

Oltre ai risultati operativi, Tesla ha rilanciato il suo strumento online per la determinazione dei prezzi dell’accumulo di energia, che ora presenta prezzi significativamente più bassi.

Il prezzo dell’azienda per un Megapack da 1,9 MW/3,9 MWh è attualmente quotato a 1.039.290 dollari, pari a 266 dollari/kWh. Questo prezzo non include l’installazione o la consegna e richiede un deposito di 1.000 dollari per garantire l’ordine.

Nell’aprile 2023, il prezzo dello stesso hardware era di 1.879.840 dollari, a un tasso di 482 dollari/kWh. Il prezzo è diminuito di circa il 44% nel periodo di 14 mesi.

Questa riduzione di prezzo è in linea con la tendenza generale del mercato che ha visto i costi delle celle di accumulo di energia in Cina scendere da 110-130 dollari/kWh a quasi 50 dollari/kWh.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

FER X transitorio, per ARERA è “necessario ridurre i contingenti”
25 Luglio 2024 L'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) ha inviato al Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE) il parere sull...