I prezzi dei moduli cinesi scenderanno del 15% dal quarto trimestre 2022 al quarto trimestre 2023

Share

L’ultima previsione dei prezzi del fotovoltaico della società di consulenza Clean Energy Associates prevede che i prezzi dei moduli in Cina scenderanno di circa il 15% dal quarto trimestre del 2022 al quarto trimestre del 2023, a causa del continuo calo dei prezzi del polisilicio.

La società ha, inoltre, affermato che dal 2023 al 2024 i prezzi del TOPCon rimarranno più alti del PERC.

“Ciò si deve al fatto che si stanno avviando molte nuove linee di produzione di celle che dovranno essere calibrate, limitando la crescita della disponibilità di TOPCon”, ha dichiarato CEA.

Tuttavia, ha aggiunto che prevede che la differenza di prezzo tra le due tecnologie si ridurrà a partire dal 2024, “man mano che i moduli TOPCon diventeranno i prodotti predefiniti per gli impianti utility-scale”. L’azienda prevede però che rimarrà un certo divario di prezzo tra TOPCon e PERC, “poiché la crescente adozione della tecnologia TOPCon farà sì che la PERC venga offerta a un prezzo sempre più scontato fino al suo ritiro”.

Il rapporto mostra che entro il primo trimestre del 2025, i moduli TOPCon monofacciali e con backsheet costeranno quanto i moduli PERC bifacciali a doppio vetro con celle da 210 mm. Secondo il rapporto, inoltre, tra il primo trimestre del 2024 e il primo trimestre del 2025, i prezzi dei moduli in Cina scenderanno in media del 6%.

Secondo CEA, inoltre, tra il 2022 e il 2027 la capacità produttiva globale del fotovoltaico lungo tutta la catena di fornitura subirà una rapida crescita, con il raddoppio delle capacità nelle fasi lingotto/wafer e il potenziale quadruplicarsi nel caso del polisilicio. Secondo CEA, questa capacità di produzione rimarrà fortemente concentrata in Cina.

L’eccesso di offerta, misurato in base alla capacità produttiva nominale del settore rispetto ai nuovi impianti, dovrebbe aumentare dal 25% nel 2022 al 100% nel 2027. In altre parole, secondo le proiezioni, l’industria nel suo complesso sarà in grado di produrre il doppio della domanda.

Entro il 2023, la capacità di produzione globale di moduli supererà gli 800 GW all’anno, mentre le installazioni globali rimarranno probabilmente al di sopra dei 300 GW. Entro il 2027, la capacità di produzione di moduli potrebbe superare i 1.000 GW all’anno, mentre le installazioni dovrebbero sfiorare i 500 GW.

L’impatto più immediato dell’aumento della capacità sul mercato è una triplicazione della capacità di produzione del polisilicio dal 2022 al 2024, basata sulla nuova capacità in costruzione o già in fase di avvio e ramp-up.

Le proiezioni di CEA sono il risultato di un sistema di modellizzazione appositamente sviluppato per fornire informazioni di mercato indipendenti sui cambiamenti nelle catene di fornitura globali e previsioni accurate per gli scenari dei prezzi di fornitura basati su tecnologie, materiali, regioni di produzione e mercati di destinazione, nonché previsioni di domanda e offerta.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

Pichetto firma il decreto Energy release, prezzi calmierati per imprese energivore “green”
23 Luglio 2024 Il ministro dell’Ambiente e della Sicurezza energetica, Gilberto Pichetto, ha firmato oggi il decreto Energy Release. Il provvedimento va a supportare...