Fotovoltaico sugli edifici logistici, a che punto siamo in Italia?

Share

Tra i parametri e le caratteristiche irrinunciabili di un magazzino green c’è l’installazione di impianti fotovoltaici, soprattutto sui tetti degli edifici. Lo rileva la mini indagine fatta da pv magazine realizzata attraverso gli osservatori diretti, quali general contractor, sviluppatori e gestori di parchi logistici.

“Un immobile logistico sostenibile è un fabbricato che viene progettato e costruito all’insegna della sostenibilità, nel rispetto di tutte le tematiche ESG. Oggi, determinate soluzioni tecnologiche sono considerate un prerequisito, come ad esempio l’installazione di pannelli fotovoltaici o la predisposizione di luci led”, ha affermato Alberto Carampin, Development & Construction Director di GLP, azienda che opera nel real estate della logistica.

La vision di P3 Parks, che opera nella logistica immobiliare a lungo termine, investitore e sviluppatore in Europa, è raccontata dalla voce di Christian Motola, Asset & Property Manager. “Un ruolo chiave nel percorso di certificazione Bream Excellent è giocato dagli impianti fotovoltaici installati in copertura. Questo ci permette di offrire ai nostri conduttori la possibilità di acquistare energia in modo più concorrenziale rispetto al mercato primario”. Sulla copertura di uno degli ultimi immobili sviluppati a Sala Bolognese è possibile installare 1.310 kW di impianto fotovoltaico su una superficie di 16.000 mq circa, con una produzione annuale stimata di circa 1,7 GWh.

Kontractor è la divisione del gruppo Kopron specializzata in costruzioni chiavi in mano in qualità di General Contractor per offrire soluzioni personalizzate. “Nella progettazione e costruzione di un capannone logistico sostenibile sono centrali il risparmio di materia, acqua ed energia, l’impiego di energie rinnovabili, l’uso di materiali da costruzione con un elevato tasso di riciclo, il rispetto degli equilibri idrogeologici e della tutela degli ecosistemi naturali, la coesione con la comunità e l’ascolto dei suoi bisogni”, ha commentato Ilaria Pasta, responsabile marketing.

Agostino Emanuele, Country Manager Italia di VGP, sviluppatore paneuropeo che possiede e gestisce parchi logistici/semi industrial, ci ha spiegato che tra le strutture di eccellenza avviate da VGP c’è il centro di smistamento “Built To Suit” di Parma, realizzato per GLS Enterprise, del Gruppo GLS. Consegnato a novembre 2022, è stato costruito seguendo elevati standard ambientali e qui si inserisce un impianto fotovoltaico per la produzione di 90kWp, che garantirà un terzo del fabbisogno energetico del parco logistic».

 Il colosso di consulenza immobiliare WCG – World Capital Group ha spiegato che un’immobile logistico sostenibile è un manufatto pensato, progettato e realizzato per rispettare l’ambiente in tutte le fasi del suo ciclo di vita. “La sostenibilità ricopre un ruolo fondamentale nel mercato immobiliare, soprattutto nell’asset class della Logistica. I costi di gestione e quelli energetici influiscono notevolmente sul trend della domanda. Inoltre, la valutazione di un immobile ad alta sostenibilità attrae investitori ESG, ma favorisce anche rendimenti superiori rispetto agli immobili tradizionali: i protocolli green incrementano il valore sul rendimento annuo di più del 10%”, ha spiegato Marco Clerici, Head of Business Development della società.

Tirando le somme, il beneficio derivante dalla scelta di dotare gli hub logistici di un impianto fotovoltaico è sia di tipo ambientale che economico. Si tratta di un importante tassello nelle scelte per mettere a punto un immobile sostenibile, status oggi irrinunciabili per le nuove costruzioni logistiche e per le certificazioni che occorre raggiungere.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

Italia Solare nomina 27 referenti regionali a supporto dell’individuazione delle aree idonee
18 Luglio 2024 Italia Solare ha nominato 27 referenti regionali, presenti su 18 Regioni, per supportare i territori in particolare nell'individuazione delle aree ido...