Il fotovoltaico merchant cresce in Spagna e Germania

Share

Gaëtan Masson, amministratore delegato dell’Istituto Becquerel e agente operativo del Programma Sistemi di Potenza Fotovoltaica dell’Agenzia Internazionale dell’Energia, ha dichiarato a pv magazine in una recente intervista che il fotovoltaico commerciale sta crescendo in alcuni mercati europei. Ha detto che gli investitori stanno “iniziando a buttarsi” sul fotovoltaico commerciale (merchant) e “enormi profitti”.

“Se guardiamo al fotovoltaico su scala pubblica, abbiamo tre diversi casi di business. Le gare d’appalto non sono assolutamente rischiose. Poi i PPA sono un po’ più rischiosi, semplicemente perché, specialmente con i PPA commerciali, ci si affida a società private [e] le cose possono accadere durante i 20 anni”, ha detto. “L’ultima opzione è probabilmente più rischiosa: si tratta del fotovoltaico commerciale. Ma se si guarda alla Germania o alla Spagna con il fotovoltaico commerciale, e alle prospettive di alti prezzi del mercato all’ingrosso, la prospettiva di enormi profitti è significativamente più alta del rischio associato, quindi si tratta di un diverso tipo di investimenti”.

Masson ha affermato che questa tendenza si sta affermando in alcuni mercati europei, come la Spagna e la Germania. In Italia sta iniziando a prendere piede, ma non è così pronunciata a causa dell’instabilità delle normative solari del Paese.

“L’Europa è probabilmente il caso migliore per il momento, perché i prezzi all’ingrosso sono relativamente alti e prevedibilmente alti”, ha affermato. “Se si considera il LCOE del fotovoltaico nel sud della Spagna, che si aggira intorno ai 20 euro (21,17 dollari)/MWh, quando i prezzi di mercato sono compresi tra i 50 e i 100 euro, non c’è da preoccuparsi”.

Masson è stato coautore del rapporto IEAPPSP recentemente pubblicato, “Trends in photovoltaic applications 2023“. Il rapporto individua i principali cambiamenti nel settore fotovoltaico dell’anno scorso, tra cui la crescita delle opportunità del fotovoltaico commerciale in numerosi Paesi per il secondo anno consecutivo. Questo cambiamento è particolarmente evidente “nei mercati consolidati, dove è trainato dai prezzi elevati del consumo di elettricità”, si legge nel rapporto.

“La struttura del mercato dell’elettricità svolge un ruolo importante per l’emergere di questo tipo di modelli di business, poiché il mercato dovrebbe fornire incentivi sia a breve che a lungo termine”, continua il rapporto. “La Norvegia ha visto il suo primo progetto [di impianto fotovoltaico commerciale] autorizzato nel 2022, l’Australia ha il 18% della sua capacità di quasi 20 GW esposta ai mercati spot, l’Ungheria e l’Italia hanno già impianti fotovoltaici commerciali. Gli esperti stimano che fino alla metà dei futuri progetti su scala utility in Spagna potrebbero essere fotovoltaici commerciali”.

Masson, che è anche co-presidente dell’European Solar Manufacturing Council, ha affermato di ritenere che le vendite di fotovoltaico commerciale aumenteranno fino a un certo punto.

“Una cosa che la California ha reso popolare qualche anno fa è il concetto di curva, secondo cui più si produce fotovoltaico a mezzogiorno, più i prezzi all’ingrosso scendono”, ha detto. “Non lo vediamo ancora in Europa, ma molto probabilmente prima o poi accadrà anche in Spagna”.

Masson ha detto che una cosa che lo sorprende costantemente durante la ricerca sulle tendenze internazionali del fotovoltaico è che la raccolta dei dati è disuguale.

“Stiamo sviluppando una tecnologia che è considerata mainstream, ma pochi Paesi sanno cosa sta accadendo esattamente nel proprio Paese”, ha detto.

Un esempio dell’impatto di questa mancanza è rappresentato dai bandi di gara per l’energia solare inadeguati, ha detto Masson, citando il Vietnam come caso di studio.

“Mi sono recato sul posto e ho lavorato con operatori e utility vietnamite che stavano pensando di installare 800 MW di fotovoltaico”, ha detto. “E il contrario… se si guarda ad alcuni Paesi africani, nessuno ha idea di quanto sia stato installato. Nessuno. Come si può definire la politica di sviluppo delle energie rinnovabili se non si ha idea di cosa si ha in quel momento?”.

Secondo Masson, questa situazione potrebbe essere modificata se tutti gli attori del solare, dagli operatori di distribuzione e di rete agli installatori, riportassero la capacità installata.

La stagnazione delle politiche influisce anche sulla portata della diffusione del solare. Questo è visibile nella scala della produzione rispetto alla capacità installata nel 2022, ha detto Mason.

“Il mercato avrebbe potuto essere significativamente più alto nel 2022”, ha affermato, “ma non lo è stato. Perché? Perché iniziamo a toccare i limiti delle politiche esistenti”.

L’accettazione sociale e la formazione di una forza lavoro qualificata rimangono ostacoli enormi all’utilizzo diffuso del fotovoltaico. Masson si è detto convinto che queste sfide non possano essere superate senza “una forte approvazione da parte dei policymaker”.

“La transizione energetica inizia a distruggere – in modo massiccio – i posti di lavoro nell’industria energetica convenzionale. È normale. Ma dobbiamo creare posti di lavoro simili nell’industria fotovoltaica”, ha affermato. Un mezzo per creare questi posti di lavoro è l’aumento delle capacità produttive del fotovoltaico in Europa, che rassicurerà i politici sulla creazione di posti di lavoro nel settore, ha affermato Masson. “Tutti questi ostacoli o barriere politiche stanno rallentando la velocità di crescita del mercato. Altrimenti, quest’anno raggiungeremo i 400 GW”.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

Italia Solare nomina 27 referenti regionali a supporto dell’individuazione delle aree idonee
18 Luglio 2024 Italia Solare ha nominato 27 referenti regionali, presenti su 18 Regioni, per supportare i territori in particolare nell'individuazione delle aree ido...