La Bosnia-Erzegovina è pronta per il solare

Share

Farooq Sher, professore associato presso la Nottingham Trent University, ha dichiarato a pv magazine che la regione meridionale della Bosnia-Erzegovina è perfetta per la diffusione del solare su larga scala. Ma è difficile dire se il Paese balcanico coglierà questa opportunità di sviluppo “incontaminata” a causa della sua forte dipendenza dal carbone.

“C’è un potenziale per le energie rinnovabili di eclissare il carbone, ma solo se il governo implementerà determinate politiche”, ha detto.

Sher, le cui aree di ricerca comprendono le energie rinnovabili e le nanotecnologie, è giunto a questa conclusione dopo due anni di indagini sul settore delle energie rinnovabili della regione, culminate in un documento pubblicato di recente e di cui è coautore.

Il documento – intitolato “Prospects of renewable energy potentials and development in Bosnia and Herzegovina” e pubblicato su Renewable and Sustainable Energy Reviews – è un’immagine composita delle industrie delle energie rinnovabili del Paese. Il documento analizza l’energia idroelettrica, di cui esistono 76 impianti, l’energia eolica, solare, geotermica e la bioenergia. Il documento afferma inoltre che l’attuale composizione energetica del Paese: le industrie del carbone e della lignite producono ben oltre la metà (60%) dell’energia nazionale, seguite dall’energia idroelettrica (35%) e dall’eolico (2%).

Secondo i dati più recenti pubblicati dall’Associazione Internazionale per le Energie Rinnovabili (IRENA), la Bosnia-Erzegovina ha registrato solo 107 MW di capacità fotovoltaica installata alla fine dello scorso anno. Ma Sher ritiene che la Bosnia-Erzegovina sia pronta per un maggiore sfruttamento del solare, in quanto ha un “forte” potenziale grazie al suo clima. L’Erzegovina, in particolare, è ottimale per l’energia solare, poiché registra 2.400 ore di luce solare all’anno.

“Il lato sud ha un’enorme capacità solare”, ha detto. “La maggior parte dell’anno è soleggiata, anche in inverno”.

Secondo il documento, la quantità di radiazione è di circa 1.500 kWh/m2 all’anno, un valore “molto significativo” per il fotovoltaico.

A settembre IRENA ha pubblicato una propria valutazione sulla “preparazione alle rinnovabili” della Bosnia-Erzegovina. Il rapporto ha rilevato che, nonostante la sicurezza e l’indipendenza energetica del Paese, esso è appesantito da “inquinamento atmosferico e impatti sulla salute” dovuti alla combustione di combustibili fossili e legna.

Il rapporto riconosce anche il potenziale fotovoltaico “poco sviluppato” della Bosnia-Erzegovina. Uno dei motivi di questo scarso utilizzo potrebbe essere l'”alto” costo di sviluppo iniziale per il solare su larga scala, ha detto Sher. La causa potrebbe essere anche il fatto che la Bosnia-Erzegovina non fa parte dell’Unione Europea (UE). “Poiché non fa parte dell’UE, non ci sono leggi severe che impongano il rispetto degli obiettivi di emissione”, ha aggiunto Sher.

La Bosnia-Erzegovina ha presentato domanda di adesione all’UE nel 2016 e dal dicembre dello scorso anno è stata ufficialmente designata come Paese candidato. Quest’anno, tuttavia, la Commissione dell’UE ha aggiornato lo status della Bosnia-Erzegovina, affermando che il Paese deve “compiere ulteriori sforzi” per soddisfare le priorità chiave stabilite nel parere dell’UE del 2017. Secondo l’opinione, occorreva affrontare “sforzi significativi” in materia di ambiente e cambiamenti climatici, tra le altre priorità.

Il rapporto dell’IRENA ha rilevato che se la Bosnia-Erzegovina si conformasse alla legislazione dell’UE – sostenuta dall’importante obiettivo del 42,5% di produzione di energia rinnovabile entro il 2030 – come Stato membro ci sarebbero “cambiamenti drastici” nel suo settore energetico. Tra questi, l’eliminazione dei sussidi al settore energetico, l’adozione di prezzi che riflettano i costi e le emissioni di carbonio e i requisiti di conservazione ambientale.

Secondo lo studio di Sher, la Bosnia-Erzegovina ha attuato solo la metà delle riforme legislative dell’UE sulle energie rinnovabili. Sher ha affermato che, sebbene la Bosnia-Erzegovina sia legata al carbone, questo potrebbe essere “eliminato” nei prossimi 50 anni se il Paese esplorasse in modo più efficiente le energie rinnovabili.

Tra i segni che ciò sta già avvenendo vi è il numero di parchi eolici – due completati e altri quattro pianificati – che, una volta operativi, produrranno un totale di 936,17 GWh. La presenza di 390 centrali idroelettriche pianificate e di altre 35 in costruzione – per una produzione totale di 9.000 GWh – e di 182 centrali solari è un’altra indicazione promettente.

L’autore è giunto a queste conclusioni in “Prospects of renewable energy potentials and development in Bosnia and Herzegovina – A review“, pubblicato su Renewable and Sustainable Energy Reviews, dopo due anni di ricerche. La ricerca ha incluso la traduzione di libri bosniaci – un compito “impegnativo”, ha detto – e la raccolta di dati sparsi da diversi dipartimenti meteorologici e organizzazioni, come IRENA, per creare un’immagine composita. L’autore si aspetta che i responsabili politici nazionali ed esteri utilizzino il documento per comprendere meglio il settore delle energie rinnovabili del Paese.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

Italia Solare nomina 27 referenti regionali a supporto dell’individuazione delle aree idonee
18 Luglio 2024 Italia Solare ha nominato 27 referenti regionali, presenti su 18 Regioni, per supportare i territori in particolare nell'individuazione delle aree ido...