Startup francese Ensol crea piattaforma per accelerare la diffusione del fotovoltaico residenziale

Share

La startup francese Ensol, che vuole rendere più efficiente l’acquisto di soluzioni fotovoltaiche residenziali e di energia domestica, ha raccolto 3 milioni di euro (3,2 milioni di dollari) in capitale di rischio da investitori con sede a Parigi, Otium Capital, un fondo che sostiene le aziende in fase iniziale, e BetterAngle, un gruppo di business angel.

La startup francese è stata creata per facilitare l’acquisto di impianti fotovoltaici da parte dei proprietari di casa. Uno dei modi per farlo è il suo sito web, progettato per consentire ai consumatori di inserire i propri dati sulla posizione, le specifiche del sito e il fabbisogno energetico per ricevere un’offerta personalizzata con costi stimati, comprese le informazioni sul ritorno dell’investimento.

Ensol sostiene di essere in grado di commissionare un nuovo progetto entro un mese dalla ricezione di un’offerta firmata. Il suo sito web elenca fornitori, come il produttore francese di moduli DualSun, oltre a fornitori di inverter, come l’americana Enphase, l’israeliana SolarEdge e la cinese Huawei.

Secondo Paul de Preville, cofondatore di Ensol, la domanda per la sua attività è guidata non solo dall’esigenza di rendere più efficiente l’acquisto di impianti fotovoltaici per le famiglie francesi, ma anche dall’aumento dei prezzi dell’elettricità al consumo in Francia e dall’elevato potenziale del paese in termini di fotovoltaico residenziale.

“La Francia è l’unico Paese dell’Unione Europea a non aver raggiunto gli obiettivi di mix energetico. Volevamo reinventare completamente l’esperienza. La nostra missione è semplificare e accelerare l’accesso all’energia solare per le famiglie francesi, grazie alla nostra tecnologia, alla nostra trasparenza, ai nostri prezzi equi e al nostro ecosistema integrato di apparecchiature energetiche”, ha dichiarato de Preville a pv magazine.

L’azienda utilizzerà il capitale per offrire soluzioni energetiche domestiche, come accumulatori di batterie, pompe di calore e caricabatterie da parete per veicoli elettrici, e per creare centrali elettriche virtuali (VPP) attraverso la capacità fotovoltaica installata dai suoi clienti.

“La nostra visione per il futuro è quella di offrire a tutti i nostri clienti la possibilità di aggiungere valore alla loro produzione di elettricità sulla rete, raggruppando tutte queste mini-centrali solari decentralizzate sulla nostra piattaforma VPP”, ha dichiarato de Preville.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

Italia Solare nomina 27 referenti regionali a supporto dell’individuazione delle aree idonee
18 Luglio 2024 Italia Solare ha nominato 27 referenti regionali, presenti su 18 Regioni, per supportare i territori in particolare nell'individuazione delle aree ido...