I prezzi dei moduli cinesi scendono a un nuovo minimo storico, i produttori tagliano la produzione

Share

Il Chinese Module Marker (CMM), la valutazione di riferimento dell’OPIS per i moduli mono PERC provenienti dalla Cina, è stato valutato a 0,123 dollari per W, con un calo di 0,003 dollari/W rispetto alla settimana precedente, mentre i prezzi dei moduli TOPCon sono scesi di 0,004 dollari/W a 0,131 dollari/W. Questi nuovi minimi storici arrivano in un contesto di domanda di fine anno attenuata dai tagli alla produzione dei produttori di moduli.

I prezzi in Cina hanno subito un calo particolare. Mentre la maggior parte degli operatori di primo livello, tra cui una delle 5 principali aziende del settore solare, offre generalmente moduli intorno al valore di CNY1 ($0,14)/W, alcuni venditori hanno abbassato i prezzi oltre questa soglia psicologicamente significativa. I moduli PERC sono stati offerti a un prezzo inferiore a CNY0,72 ($0,10), hanno dichiarato diversi produttori.

La stagione invernale è un “periodo più debole dell’anno, quindi la domanda è più bassa”, ha dichiarato un esperto del mercato solare. Secondo un venditore di moduli, i produttori cinesi stanno cercando di smaltire le scorte durante la bassa stagione. Prima della chiusura dell’anno fiscale a dicembre, le aziende cinesi stanno cercando di vendere le scorte e di “aumentare le entrate”, ha detto un altro esperto.

In questo contesto di eccesso di offerta, i tassi operativi sono in calo. Secondo un produttore di moduli, alcune fabbriche solari di medie dimensioni stanno già chiudendo per una pausa. Di solito le fabbriche in Cina si fermano solo durante la Festa di Primavera, e una pausa di due mesi prima di quella festività suggerisce che “le fabbriche non hanno ordini”, ha detto il produttore di moduli. Secondo un osservatore esperto del mercato, i tassi di operatività delle fabbriche di moduli sarebbero del 50-60%.

I prezzi bassi continuano ad essere all’orizzonte alla fine del 2023 e nell’anno a venire. Secondo un importante sviluppatore solare, il 2024 sarà un anno difficile. I prezzi bassi persisteranno per un certo periodo, con il settore che inizierà a stabilizzarsi gradualmente nel 2025 per poi riprendersi, ha dichiarato lo sviluppatore.

OPIS, una società di Dow Jones, fornisce prezzi dell’energia, notizie, dati e analisi su benzina, gasolio, jet fuel, GPL/NGL, carbone, metalli e prodotti chimici, oltre a carburanti rinnovabili e materie prime ambientali. Nel 2022 ha acquisito i dati sui prezzi dal Singapore Solar Exchange e ora pubblica l’OPIS APAC Solar Weekly Report.

Autore: OPIS

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

Pichetto firma il decreto Energy release, prezzi calmierati per imprese energivore “green”
23 Luglio 2024 Il ministro dell’Ambiente e della Sicurezza energetica, Gilberto Pichetto, ha firmato oggi il decreto Energy Release. Il provvedimento va a supportare...