Il Libano introduce lo scambio peer-to-peer di energia rinnovabile

Share

Il 14 dicembre, il Parlamento libanese ha approvato la legge sulle energie rinnovabili decentralizzate (DRE), che riguarda due tipi di regolamenti: il net-metering e i contratti peer-to-peer tra enti del settore privato.

Pierre El Khoury, direttore generale e presidente del consiglio di amministrazione del Centro libanese per la conservazione dell’energia (LCEC), ha dichiarato a pv magazine che “il LCEC prevede che la legge DRE creerà uno slancio per ulteriori 800-1.200 MW nei prossimi anni”.

I contratti peer-to-peer tra acquirenti e venditori sono limitati alle energie rinnovabili, con una capacità massima di 10 MW per progetto. Quando l’acquirente e il venditore si trovano sullo stesso terreno o su terreni adiacenti, gli scambi di energia peer-to-peer possono avvenire senza utilizzare la rete nazionale dell’ente statale Electricité du Liban (EDL). Quando i progetti vendono l’elettricità generata lontano da un sito di produzione, lo scambio di energia deve avvenire attraverso il wheeling, utilizzando la rete EDL.

“In una città congestionata e ricca di grattacieli come Beirut, le entità che non dispongono di spazio sufficiente sul proprio tetto possono ora, grazie alla legge DRE, utilizzare gli spazi disponibili ovunque in Libano”, ha dichiarato El Khoury.

I progetti che si avvalgono dell’opzione wheeling dovranno inoltre pagare le tasse per il wheeling alla EDL. Queste tariffe saranno determinate dall’ente regolatore libanese per l’energia, che non è ancora stato nominato. Oltre alla mancanza di un regolatore, il funzionamento intermittente della rete elettrica libanese potrebbe rappresentare un’altra sfida all’attuazione della legge DRE.

El Khoury ha dichiarato che oggi l’EDL fornisce elettricità solo per circa 6-10 ore al giorno. Tuttavia, ha aggiunto che “la rete di media tensione della EDL è sempre alimentata, quindi i nuovi progetti peer-to-peer potrebbero collegarsi alla media tensione in una prima fase”. La LCEC stima che con l’aumento del solare e di altre tecnologie di energia rinnovabile da collegare alla rete EDL, la fornitura di EDL aumenterà in modo significativo in un periodo di tempo relativamente breve”.

La nuova legge DRE ha anche introdotto diversi tipi di misurazione netta, come la misurazione netta individuale, la misurazione netta per più inquilini, la misurazione netta collettiva e altre opzioni.

Marc Ayoub, associato presso l’Issam Fares Institute dell’Università americana di Beirut e borsista non residente presso il Tahrir Institute for Middle East Policy, ha dichiarato a pv magazine che “dal 2011, la misurazione della rete è stata una decisione presa a livello di consiglio di amministrazione dell’EDL e rinnovata su base annuale, fino al crollo economico del Paese (2018-19), quando non sono stati più installati contatori”. Pertanto, la legge DRE è la prima volta che lo scambio sul posto “viene menzionato in una legge, o legalizzato in una legge emessa dal Parlamento libanese”, ha affermato.

Dal 2020, il settore solare libanese è in piena espansione grazie alle installazioni fotovoltaiche e di batterie off-grid sviluppate a livello residenziale e commerciale.

“Questi sono tutti potenziali abbonati al net metering che possono immettere nella rete nazionale l’energia in eccesso generata dall’energia solare”, ha dichiarato Ayoub.

Affinché ciò avvenga, il Libano ha bisogno di una rete affidabile, con elettricità che circola in ogni momento, e di un’utility centrale che installi contatori e bilanci i profili elettrici degli abbonati al net metering.

“Per questo motivo le leggi non sono sufficienti ed è necessario un approccio olistico per le riforme a tutti i livelli del settore , compresa la generazione, la trasmissione e la distribuzione dell’elettricità”, ha affermato.

Ayoub ha aggiunto che è prioritaria anche la creazione di un’autorità di regolamentazione indipendente e dotata di poteri, in grado di adempiere ai compiti previsti dalla legge DRE.

Il Libano ha installato meno di 100 MW di energia solare nel 2020. Attualmente il Paese dispone di circa 1.300 MW di capacità fotovoltaica, principalmente da piccoli sistemi solari più batterie.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.