Camera approva emendamento per promuovere ricorso a Sistemi Collettivi

Share

La Camera ha approvato martedì un emendamento che dovrebbe incentivare il ricorso ai Sistemi Collettivi per la gestione del fine vita dei pannelli fotovoltaici incentivati.

L’emendamento modifica l’articolo 40, comma 3, del d.lgs 49/2014, secondo cui, “i Soggetti Responsabili che non si avvarranno dell’opzione prevista dall’art. 24-bis del d.lgs 49/2014, per registrare i propri pannelli installati in campi incentivati presso i Consorzi di filiera riconosciuti, subiranno una trattenuta da parte del GSE, per gli ultimi 10 anni di incentivazione, pari al doppio (20 euro/pannello) rispetto a quella prevista per la registrazione ai Sistemi Collettivi (oggi pari a 10 euro/pannello)” che, invece, manterranno le tariffe inalterate.

Il testo dovrà ora tornare in Senato per l’approvazione.

“Dopo che l’emendamento approvato alla Camera verrà inserito nel prossimo decreto, il GSE applicherà una trattenuta pari a 20 euro/modulo mentre i consorzi, per i soggetti responsabili che vi aderiscono, potranno applicare una ritenuta di soli 10 euro in 5 anni”, ha detto a pv magazine Italia Mauro Zilio, responsabile commerciale del consorzio E-Cycle.

Zilio spiega che, per la corretta applicazione delle modalità operative, uscirà probabilmente un regolamento GSE aggiornato anche se già oggi è possibile aderire sul portale GSE indicando il consorzio preferito.

“Il vantaggio è indubbio se si aderisce al consorzio. Ad oggi si contano circa 70 milioni di moduli incentivati sui quali è applicabile la ritenuta”, ha commentato Zilio.

Il consorzio E-cycle dice di essere quello che ha registrato, fino ad oggi, il maggior numero di moduli da quando il GSE ha aperto alla possibilità di versare le quote ai consorzi. Altri consorzi sentiti da pv magazine Italia non hanno commentato, preferendo non esprimersi perché l’emendamento deve essere ancora approvato dal Senato per diventare effettivo.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.