Fotovoltaico nei parcheggi della grande distribuzione

Share

“La solarizzazione dei parcheggi è redditizia quando rientra in un optimum economico, ovvero in modelli di autoconsumo con una copertura di circa il 30% dei posti auto”, ha spiegato alla rivista pv magazine Franck Charton, direttore generale di Perifem, un gruppo di interesse che rappresenta l’80% dei principali rivenditori, tra cui Auchan, Carrefour, E. Leclerc, Liddl e Intermarché.

In Francia, la legge sull’accelerazione della produzione di energie rinnovabili (APER) prevede che i parcheggi siano coperti al 50% entro il 2028. Si attende a breve un decreto che specifichi se questo tasso corrisponde al numero di posti auto o alla superficie totale del parcheggio. In quest’ultimo caso, anche le corsie di circolazione saranno incluse nei calcoli.

Secondo Franck Charton, essi rappresentano quasi la metà della superficie del parcheggio, ma non possono essere coperti da un’ombreggiatura per motivi tecnici, e in particolare perché sono utilizzati dai camion. “Per avere una superficie equivalente, dovremmo coprire il 100% dei posti auto”, spiega il rappresentante di Perifem. Ciò solleva altre questioni.

L’installazione di pannelli solari per un periodo di 15-20 anni solleva la questione della mobilitazione dei terreni. Secondo Perifem, la legge APER, che prevede la solarizzazione del 50% della superficie dei parcheggi entro il 2028, riguarda un perimetro di 70 milioni di metri quadrati di terreno. Questi terreni sono “zone strategiche”  in quanto possono essere convertiti in abitazioni o parcheggi verticali, ad esempio, come sottolinea Franck Charton. Accanto a queste prospettive, la produzione di energia solare non sembra così attraente per i membri di Perifem.

Ad oggi, ha spiegato il delegato, i grandi distributori si stanno concentrando sullo sviluppo di piccoli impianti solari per l’autoconsumo, inferiori a 500 kW, per poter beneficiare delle tariffe di alimentazione S21. Sono interessanti perché possono coprire parte del consumo del supermercato. In media, questo corrisponde a una superficie massima di 3.000 metri quadrati, quindi non copre tutti i posti auto.

Alla domanda sui vari modelli di business, tra cui gli accordi privati di acquisto di energia (PPA) e l’autoconsumo collettivo (che consente di rivendere l’eccedenza a un prezzo più interessante rispetto alle tariffe di alimentazione di EDF OA), Franck Charton risponde: “Non è che non siano redditizi, ma non siamo in una situazione economica ottimale”.

Complessivamente, Perifem stima in 12 miliardi di euro l’investimento necessario per l’utilizzo dell’energia solare nei parcheggi coperti dalla legge APER. “Per la maggior parte, questi sviluppi non sono previsti come investimenti di terzi, in quanto i rivenditori desiderano mantenere la proprietà esclusiva dei loro beni immobiliari”, spiega Franck Charton. Egli afferma che i rivenditori non stanno tenendo conto di eventuali multe nello sviluppo solare in corso, anche se temono una “interpretazione errata della legge” nella definizione delle superfici da coprire, che saranno specificate nel prossimo decreto. In questo caso, Perifem ha dichiarato che presenterà un ricorso al Consiglio di Stato contro il decreto.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

MASE autorizza impianto Sorgenia di accumulo BESS da 25 MW in Puglia
22 Luglio 2024 Il Ministero dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE) ha autorizzato, con decreto n. 55 del 18 luglio, la società Sorgenia Puglia S.p.A. alla...