Mercato italiano stabilmente il più caro in Europa, nonostante record di produzione per mese di giugno

Share

Nella prima settimana di giugno i prezzi nella maggior parte dei mercati elettrici europei sono aumentati rispetto alla settimana precedente. La Germania ha registrato il prezzo più alto dalla fine di novembre 2023, 235,52 €/MWh, il 4 giugno dalle ore 20:00 alle 21:00. Lo spiega AleaSoft Energy Forecasting nella sua analisi settimanale.

“Gli aumenti sono stati in gran parte determinati dal calo generale della produzione di energia eolica. Nonostante gli aumenti, la maggior parte dei mercati ha registrato prezzi negativi per alcune ore. L’energia fotovoltaica ha registrato il record di produzione giornaliera per un mese di giugno in Germania, Italia e Portogallo, e il terzo valore più alto della storia in Spagna”, ha detto la società di consulenza spagnola.

Nella prima settimana di giugno, la produzione di energia solare è aumentata rispetto alla settimana precedente nei mercati tedesco, francese e italiano, rispettivamente del 37%, 32% e 9,6%.

In Germania e in Italia ciò è avvenuto il 6 giugno, rispettivamente con 362 GWh e 128 GWh. Il Portogallo ha raggiunto questo traguardo il 3 giugno, con 20 GWh prodotti da fotovoltaico.

Nella penisola iberica, invece, si sono registrati cali del 22% in Portogallo e del 12% in Spagna. Nonostante il calo della produzione settimanale in Spagna, il 4 giugno l’energia fotovoltaica ha registrato la terza produzione più alta di sempre in questo mercato, con 187 GWh.

Secondo le previsioni di AleaSoft Energy Forecasting sulla produzione di energia solare in Germania, Spagna e Italia, nella seconda settimana di giugno la produzione sarà inferiore a quella della prima settimana del mese.

Domanda di elettricità e prezzi dell’energia all’ingrosso

Nella prima settimana di giugno, la domanda di elettricità è diminuita nella maggior parte dei principali mercati elettrici europei rispetto all’ultima settimana di maggio.

I prezzi nella maggior parte dei principali mercati elettrici europei sono però aumentati rispetto alla settimana precedente. Fanno eccezione il mercato Nord Pool dei Paesi nordici e il mercato N2EX del Regno Unito, con cali rispettivamente dell’1,2% e del 16%.

Le medie settimanali hanno superato i 65 €/MWh nella maggior parte dei mercati elettrici europei analizzati. Fanno eccezione i mercati nordici e francesi, con medie rispettivamente di 27,26 €/MWh e 36,86 €/MWh. Il mercato italiano IPEX, invece, ha registrato la media settimanale più alta, pari a 107,73 €/MWh. Nel resto dei mercati analizzati, i prezzi variavano da 65,90 €/MWh nel mercato belga a 78,40 €/MWh nel mercato tedesco.

Il mercato MIBEL di Spagna e Portogallo ha registrato i maggiori aumenti percentuali dei prezzi, rispettivamente del 261% e del 269%. Il mercato EPEX SPOT della Francia li ha seguiti, con un aumento del 128%.

I futures sul gas TTF hanno raggiunto il prezzo di liquidazione più alto dalla prima metà di dicembre, ma la media settimanale del prezzo del gas a livello europeo è stata inferiore. Simile discorso per il mercato della CO2.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

FER X transitorio, per ARERA è “necessario ridurre i contingenti”
25 Luglio 2024 L'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) ha inviato al Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE) il parere sull...