I prezzi bassi dei pannelli solari TOPCon mettono sotto pressione il PERC

Share

Martin Schachinger, pvXchange.com

In Europa ci sono ancora grandi scorte di moduli prodotti nel 2023, o prima, presso i distributori e gli installatori stessi. Se questi hanno le dimensioni più piccole comunemente utilizzate per gli impianti su tetto in Germania, si vendono male a causa delle basse classi di potenza. I proprietari degli edifici di solito desiderano che nei loro impianti siano installate potenze elevate e tecnologie all’avanguardia, il che rende molto più difficile la vendita delle scorte esistenti.

Nonostante la presunta riduzione della produzione di moduli e dei volumi di importazione europei, sembra che i pannelli asiatici continuino a raggiungere il mercato europeo in misura maggiore rispetto alla domanda attuale. Questo, a sua volta, sta facendo crescere le scorte, anche nelle classi ad alte prestazioni, esercitando un’ulteriore pressione sui prezzi dei moduli, soprattutto su quelli vecchi che sono stati prodotti e acquistati a prezzi significativamente più alti.

La capacità di svalutare le vecchie scorte varia notevolmente da un’azienda all’altra, con conseguenti prezzi molto diversi per i moduli con tecnologia PERC (passivated emitter rear contact). Le differenze di prezzo complessive tra le categorie di modelli si stanno riducendo.

È molto difficile sbarazzarsi di questi vecchi moduli nei mercati extraeuropei senza accettare una massiccia perdita di valore. Anche l’Africa e il Sud-est asiatico rischiano di essere sovraccarichi di moduli e i prodotti cinesi non possono essere facilmente venduti al mercato statunitense. Una strategia che si sta sempre più affermando è quella di consentire concessioni nei fattori soft del commercio. Ci può essere un certo margine di manovra nei termini di pagamento e di consegna. Invece di offrire i moduli a un prezzo inferiore, viene concessa una linea di credito – spesso senza richiedere garanzie – e la consegna può essere offerta gratuitamente. Detto questo, è dubbio che questa tattica possa funzionare a lungo termine. Molte piccole aziende sono sull’orlo dell’insolvenza e non si può escludere la possibilità di inadempienze. La pressione a vendere non deve quindi prevalere sul buon senso e indurre i fornitori a correre rischi incalcolabili.

Alcuni fornitori stanno anche cercando di rifugiarsi nei mercati online, dove sperano di vendere rapidamente a clienti internazionali senza sostenere costi di vendita e marketing. Tuttavia, anche lì la pressione competitiva è elevata e spesso le merci possono essere vendute solo a prezzi di dumping.

I modelli di business online comportano ulteriori rischi. Raramente offrono solide opportunità di conoscere in anticipo il potenziale partner commerciale: i venditori si accontentano di ciò che possono ottenere. Nelle transazioni commerciali possono sorgere incomprensioni, soprattutto al di là dei confini nazionali, e l’operatore della piattaforma non è sempre disponibile a fornire assistenza e consigli. L’impegno che comporta una transazione online può diventare rapidamente maggiore rispetto all’acquisto o alla vendita nell’ambito di un rapporto commerciale consolidato. Tutto può filare liscio, ma non è detto che sia così.

Vendita di progetti

Una possibilità per fare buon uso di vecchi moduli solari in eccedenza è quella di installarli in progetti di grandi dimensioni su spazi aperti o su tetti. I formati più piccoli non sono una cattiva scelta in aree con carichi di vento o neve elevati. Sebbene i costi di materiale e installazione aumentino leggermente, la facilità di gestione durante l’installazione compensa questo svantaggio. C’è un altro innegabile vantaggio: i moduli sono già disponibili a magazzino. Questa disponibilità garantita significa che non ci possono essere problemi di consegna e quindi nessun ritardo nel processo di costruzione. Se si aggiungono alcuni inverter e avvolgicavi invenduti, i componenti sono già pronti per un impianto fotovoltaico funzionante.

Una volta che l’impianto è stato installato e collegato alla rete, a nessuno interesserà se i moduli solari appartengono all’ultima generazione o meno. Il bene risultante può essere commercializzato meglio dei moduli PERC da 400 W nell’attuale situazione di mercato. Questo può essere fatto anche attraverso un portale di intermediazione online per le aziende che non sono ancora adeguatamente predisposte per la vendita di progetti.

Informazioni sull’autore: Martin Schachinger è laureato in ingegneria elettrica e opera nel settore del fotovoltaico e delle altre energie rinnovabili da quasi 30 anni. Nel 2004 ha fondato la piattaforma di trading online pvXchange.com, che consente a grossisti, installatori e società di servizi di acquistare pannelli solari, componenti standard e inverter che non vengono più prodotti ma che possono essere urgentemente necessari per riparare impianti fotovoltaici difettosi.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

Sardegna, la moratoria per eolico e fotovoltaico è legge
02 Luglio 2024 Il Consiglio regionale della Sardegna ha approvato stamattina il disegno di legge n. 15/A, ovvero il provvedimento che decreta per 18 mesi lo stop all...