I prezzi dei moduli solari in Cina aumentano per la prima volta in sei mesi

Share

Il Chinese Module Marker (CMM), la valutazione di riferimento dell’OPIS per i moduli provenienti dalla Cina, è salito a 0,168 $/W, in una settimana in cui il mercato ha dovuto fare i conti con l’indebolimento del dollaro statunitense e la crescita dei prezzi in tutta la catena del valore del solare cinese.

L’aumento del 5% – il primo rialzo del CMM in quasi sei mesi dopo i recenti minimi storici secondo i dati OPIS – arriva mentre la maggior parte dei contatti ha rilevato prezzi intorno a 0,17 $/W e ha sottolineato come il dollaro si sia deprezzato nei giorni precedenti.

I segmenti a monte in Cina, dal polisilicio alle celle, hanno tutti registrato aumenti questa settimana, sostenendo i prezzi dei moduli. Il China Mono Grade, la valutazione dell’OPIS per il polisilicio nel Paese, è aumentato per la seconda settimana consecutiva a 64,42 CNY/kg, pari a circa 8 euro/kg.

I produttori di moduli in Cina stanno aumentando la produzione, concordano diverse fonti, anche se offrono ragioni diverse per questa mossa nell’attuale contesto di prezzi bassi.

Una fonte ha spiegato che “la domanda sta aumentando ora che i prezzi sono bassi” e che il terzo e il quarto trimestre rappresentano un periodo di picco per le vendite di moduli. I principali mercati di esportazione stanno registrando un tasso di crescita normale, ha affermato un veterano dell’industria solare. A trainare la domanda sono i mercati più piccoli, poco coperti e con meno di 1 GW ciascuno, ha aggiunto l’esperto.

Per i principali operatori di primo livello, l’aumento della produzione non ha “letteralmente alcuna correlazione con la domanda”, secondo una fonte di una di queste aziende. Secondo un osservatore esperto del mercato, un produttore Tier-1 può estromettere dal mercato gli operatori più piccoli e guadagnare quote di mercato se continua ad abbassare i prezzi.

In futuro, è improbabile che i prezzi dei moduli continuino a salire, perché la presenza di molti produttori implica un’intensa concorrenza in questo settore, concordano molti contatti. “Per accaparrarsi gli ordini, le aziende sceglieranno di rinunciare ai profitti”, ha spiegato una fonte. Facendo eco a questo sentimento, un’altra fonte ha detto che non c’è più molto profitto da prendere, ma sarebbe bene che i prezzi si stabilizzassero almeno.

OPIS, una società di Dow Jones, fornisce prezzi energetici, notizie, dati e analisi su benzina, gasolio, jet fuel, GPL/NGL, carbone, metalli e prodotti chimici, oltre a carburanti rinnovabili e materie prime ambientali. Nel 2022 ha acquisito i dati sui prezzi dal Singapore Solar Exchange e ora pubblica l’OPIS APAC Solar Weekly Report.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

Sardegna, la moratoria per eolico e fotovoltaico è legge
02 Luglio 2024 Il Consiglio regionale della Sardegna ha approvato stamattina il disegno di legge n. 15/A, ovvero il provvedimento che decreta per 18 mesi lo stop all...