Dispositivo solare per il rilevamento degli incendi

Share

Quando si tratta di reagire agli incendi, la velocità è importante. L’azienda tedesca Dryad Networks ha rilasciato il suo sensore Silvanet Wildfire che aiuta a rilevare gli incendi in pochi minuti, allertando i primi soccorritori in modo che possano intervenire per mitigare i danni.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), gli “incendi selvaggi e le attività vulcaniche” hanno colpito 6,2 milioni di persone tra il 1998 e il 2017, con 2.400 decessi attribuibili a soffocamento, lesioni e ustioni in tutto il mondo.

Secondo l’ISPRA, l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, nel 2023 è aumentata in Italia l’estensione delle aree percorse da grandi incendi boschivi, superando 49000 ha, di cui oltre 8500 ha di ecosistemi forestali. Le foreste coinvolte risultano in gran parte macchia Mediterranea (64%) e pineta (21%). Il 95% delle aree bruciate fino ad oggi sono in Sicilia e Calabria.

Un recente studio dell’University College di Londra ha dimostrato che i soli incendi del 2018 in California sono costati all’economia statunitense 148,5 miliardi di dollari. Le perdite di capitale e i costi sanitari in California hanno raggiunto i 59,9 miliardi di dollari, mentre le perdite indirette dovute all’interruzione dell’attività economica in 80 settori industriali dello Stato hanno raggiunto i 42,7 miliardi di dollari. Sono stati colpiti la trasmissione di energia elettrica, il trasporto merci su strada e su rotaia, gli oleodotti e altri settori dipendenti dalle infrastrutture.

“Gli incendi selvaggi sono responsabili fino al 20% delle emissioni globali di CO2”, ha dichiarato Carsten Brinkschulte, amministratore delegato di Dryad Networks. “Se non si presta sufficiente attenzione e non si investe nei sempre più gravi incendi selvaggi che si verificano ogni anno e che causano danni alla nostra salute e alle nostre economie, le temperature globali aumenteranno di oltre 1,5 C”.

I sensori sono piccoli dispositivi in plastica non collegati alla rete elettrica, con una cella solare integrata nella superficie come fonte di energia. Il dispositivo misura la temperatura, l’umidità e la pressione dell’aria e contiene un sensore di qualità dell’aria a bassa potenza con una modalità di rilevamento dei gas.

Il prodotto è in grado di rilevare idrogeno, monossido di carbonio e altri gas che si formano durante le prime fasi della pirolisi a livello di ppm. I sensori sono generalmente montati su alberi ad un’altezza di 3 metri. Ogni dispositivo misura 19 cm per 8,2 cm e ha un pannello solare di 6 cm per 6 cm sulla superficie. L’involucro è classificato IP 67 ed è resistente alle intemperie e ai raggi UV.

Il dispositivo è pre-costruito con intelligenza artificiale per rilevare in modo affidabile gli incendi ed evitare falsi allarmi positivi. I sensori si collegano a un gateway e ogni gateway ospita circa 100 sensori, a seconda della topografia. La trasmissione dati wireless LoRaWan invia i dati dal dispositivo ai primi soccorritori.

Dryad Networks ha dichiarato che il dispositivo può funzionare senza manutenzione fino a 15 anni, non richiede batterie ed evita l’uso di litio e di altri materiali tossici o rari. L’energia viene invece immagazzinata in supercondensatori.

Le emissioni causate dagli incendi selvatici creano un circolo vizioso di un clima più caldo e secco in alcune regioni, che porta ad un aumento degli incendi selvatici. I dati del Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente mostrano che le aree bruciate aumenteranno del 62% se le temperature globali aumenteranno di 2 gradi Celsius, e se il mondo si riscalderà di tre gradi, la percentuale salirà al 97%.

Inoltre, le emissioni causate dagli incendi selvaggi sono spesso riportate in modo impreciso o omesse del tutto dai rapporti sulle emissioni di carbonio delle nazioni, considerate come fenomeni naturali.

“Con l’80% degli incendi causati dall’uomo e il fatto che la neutralità del carbonio dipende dalla ricrescita delle foreste, che può richiedere più di 100 anni, significa che omettere le emissioni da incendi selvaggi dagli inventari globali di CO2 è impreciso e, peggio ancora, cinico”, ha dichiarato Brinkschulte.

Dryad stima che l’impiego di 120 milioni di sensori in tutto il mondo entro il 2030 potrebbe salvare fino a 3,9 milioni di ettari di foreste dagli incendi e prevenire 1,7 miliardi di tonnellate di emissioni di CO2.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

Sardegna, la moratoria per eolico e fotovoltaico è legge
02 Luglio 2024 Il Consiglio regionale della Sardegna ha approvato stamattina il disegno di legge n. 15/A, ovvero il provvedimento che decreta per 18 mesi lo stop all...