Il prezzo dei moduli solari è in calo e non si intravede una fine

Share

Da qualche tempo ci chiediamo tutti: Quanto possono scendere i prezzi dei moduli fotovoltaici prima di toccare il fondo? A quanto pare, c’è ancora spazio per ulteriori ribassi, visto che tutti i prezzi sono scesi anche questo mese.

In media, i prezzi di tutte le categorie di moduli sono stati corretti al ribasso di circa il 10%. Mai prima d’ora, nella storia del fotovoltaico, i prezzi dei pannelli sono crollati in modo così significativo in un lasso di tempo così breve. Da un mese o due i valori sono al di sotto del precedente minimo storico del 2020 e ancor più al di sotto dei costi di produzione della maggior parte dei produttori. La generazione di margini di profitto sembra appartenere al passato per il momento e per molti di loro è ormai solo una questione di minimizzazione dei danni o addirittura di sopravvivenza.

Come si è arrivati a questo e quali sono le cause di questa tendenza autodistruttiva?

Innanzitutto, va notato che i prezzi dei moduli sono aumentati di oltre il 50% tra l’ottobre 2020 e l’ottobre 2022, il che non è dovuto agli sviluppi tecnologici, ma principalmente alla carenza di offerta dovuta alla pandemia e al contemporaneo aumento della domanda. In definitiva, molti operatori del mercato fotovoltaico hanno guadagnato molto bene, a spese dei consumatori finali. Fino a poco tempo fa, i prezzi degli impianti fotovoltaici erano più alti di quanto non fossero da tempo. Ora le cose sono completamente cambiate, il che porta inevitabilmente a un calo dei prezzi. La velocità e l’intensità di questo cambiamento, tuttavia, sorprendono anche gli operatori di mercato più esperti.

Dopo i problemi di carenza degli ultimi due anni, molti installatori e grossisti hanno fatto previsioni generose e hanno ordinato nuova merce come se non ci fosse un domani.

I produttori, prevalentemente asiatici, hanno reagito aumentando le loro capacità. La capacità produttiva globale di solito supera la domanda effettiva prevista del 30-50%, in modo da poter compensare rapidamente le fluttuazioni. Le linee di produzione vengono quindi incrementate o ridotte a seconda delle necessità. Recentemente, tuttavia, questo meccanismo è sfuggito un po’ di mano, poiché molti produttori hanno dovuto passare molto rapidamente dalla tecnologia PERC di tipo p a quella TOPCon di tipo n, a causa di problemi di diritti di brevetto in singole regioni. Tuttavia, poiché le restrizioni alle vendite non si applicavano a livello mondiale, sono state create nuove capacità per TOPCon senza sostituire le vecchie capacità e senza chiudere costantemente.

Le prospettive sembravano essere buone a lungo termine, grazie ai costi presumibilmente permanentemente elevati delle fonti energetiche convenzionali. Purtroppo, i politici europei sono stati molto bravi a sostituire le vecchie fonti di combustibili fossili con nuove fonti in tempi brevi, per cui la sofferenza per i costi energetici alle stelle è rapidamente diminuita. Anche la pandemia sembra essere stata finalmente superata e l’europeo medio può di nuovo viaggiare senza restrizioni. Anche a causa dell’alta inflazione, molte persone che recentemente volevano investire in impianti fotovoltaici stanno diventando più riluttanti. Il fatto che i tassi di interesse sui prestiti continuino a salire non facilita la decisione. La conseguenza di tutti i fattori elencati è un crollo della domanda, tanto che l’industria fotovoltaica non è ancora uscita dal crollo estivo nemmeno a metà settembre.

La rapida diminuzione dell’interesse per la generazione di energia solare fa sì che gli ordini di installatori e progettisti dimuiscano e che i moduli e gli inverter preordinati non possano essere consegnati in tempo. La merce si accumula sempre più spesso presso i grossisti e nei magazzini dei produttori. Si parla di 40-100 GW di moduli invenduti nei magazzini europei, soprattutto nell’area di Rotterdam. Determinare una quantità esatta è quasi impossibile. Tuttavia, è sufficiente sapere che in Europa c’è già una scorta di moduli pari a circa un anno per capire le dimensioni e la portata della questione. Lo stoccaggio di queste merci costa molto spazio e quindi denaro; le perdite aumentano di giorno in giorno, mentre le opportunità di vendita diminuiscono. La pressione aumenta fino a quando la valanga inizia a scivolare e i primi iniziano a offrire i loro moduli al di sotto dei costi di acquisto o di produzione. I concorrenti sono costretti a seguire l’esempio e la spirale negativa si mette in moto.

Si potrebbe pensare che il calo dei prezzi debba far aumentare la domanda. In molti casi, l’attuale livello dei prezzi dei materiali non ha ancora raggiunto i clienti finali o gli investitori. Per molti fornitori, le vecchie scorte, acquistate a prezzi più alti, sono ancora troppo larghe. Inoltre, l’ondata di svalutazione è appena iniziata, per cui il calo dei prezzi si fa più marcato di mese in mese. Molti sperano ancora di cavarsela con un occhio nero. Ma il rischio di rimanere bloccati con la vecchia merce è molto alto. Anche gli interessati al fotovoltaico monitorano molto attentamente i prezzi e confrontano le offerte. Di conseguenza, molti clienti finali stanno aspettando che i prezzi offerti scendano ulteriormente ed esitano a fare un ordine.

Quindi ora tutto dipende da dove vi porterà il viaggio. Quanto devono scendere i prezzi prima che la domanda aumenti di nuovo e si raggiunga un equilibrio?

Le linee di produzione in Cina sono già state chiuse e quest’anno verranno costruiti nel Paese fino a 50 GW, oltre agli 80-90 GW già installati quest’anno. Ma anche se in Europa non arrivasse un solo nuovo modulo dalla Cina, ci vorrebbero molti mesi prima che l’arretrato di moduli venga smaltito. I moduli stoccati sono inoltre prevalentemente prodotti con celle PERC, la cui efficienza è inferiore a quella dei moduli con la tecnologia più recente. Dubito che siano adatti ad aumentare fortemente la domanda interna. È più probabile che questi prodotti vengano utilizzati nei mercati extraeuropei, dove la gente è contenta di avere moduli solari a basso costo. A mio avviso, solo quando si riuscirà a ridurre l’attuale sovrabbondanza di moduli sarà possibile stabilire nuovamente un livello di prezzi sano sul mercato. A quel punto, tuttavia, si assisterà probabilmente a una scossa del mercato e alcuni operatori si ritireranno dal mercato.

Panoramica dei punti di prezzo differenziati per tecnologia nel settembre 2023, comprese le variazioni rispetto al mese precedente (al 18 settembre 2023):

 

Informazioni sull’autore: Martin Schachinger ha studiato ingegneria elettrica e opera nel settore delle energie rinnovabili da oltre 20 anni. Nel 2004 ha creato pvXchange.com. La piattaforma online consente a grossisti, installatori e società di servizi di acquistare una serie di componenti, tra cui moduli fotovoltaici e inverter fuori produzione.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

Italia Solare nomina 27 referenti regionali a supporto dell’individuazione delle aree idonee
18 Luglio 2024 Italia Solare ha nominato 27 referenti regionali, presenti su 18 Regioni, per supportare i territori in particolare nell'individuazione delle aree ido...