Fratelli d’Italia: meglio il fotovoltaico flottante dell’eolico offshore

Share

La vicenda è iniziata oltre un anno fa quando è stato presentato al Comune di Rimini il progetto dell’azienda Energia Wind 2020 per la realizzazione di una centrale eolica al largo della costa tra Rimini e Cattolica.
Si tratta di un impianto eolico offshore di 330 MW installato su piattaforma marina collegata agli aerogeneratori con cavi sottomarini interrati, composto da 51 aerogeneratori da 6,5 MW ciascuno. La loro altezza massima dal medio mare è compresa in un range di 210-202 metri, con diametro del rotore di 180 metri.

L’Ufficio per il paesaggio del Comune di Rimini aveva espresso parere nettamente contrario e ha chiesto di prevedere un ulteriore allontanamento dalla linea di costa, riducendo del tutto l’impatto visivo.

La questione è tornata in auge poiché di recente l’Onorevole Beatriz Colombo della circoscrizione Emilia-Romagna di Fratelli d’Italia, ha dichiarato di aver depositato un’analisi dettagliata riguardo al progetto: “Dopo un’attenta valutazione, ho evidenziato la necessità di considerare tecnologie alternative e meno impattanti sul territorio, come quelle legate al fotovoltaico flottante, che si potrebbero armonizzare con l’ambiente riducendo l’invasività visiva”.

“Nonostante le recenti modifiche, persistono questioni importanti sugli effetti a lungo termine sul paesaggio e sull’indotto turistico del progetto, che meritano di essere più approfonditamente considerate”, ha affermato la parlamentare sottolineando che il turismo è un settore chiave per l’economia dell’Emilia-Romagna.
“In merito a questa tematica, ho svolto una Question time in VIII commissione, alla quale il viceministro Gava ha fornito risposta, riconoscendo l’importanza di un confronto approfondito sulle implicazioni di sviluppi di questo genere per la comunità locale ed assicurando la piena attenzione del Ministero con il quale sono costantemente in contatto”, ha dettagliato l’On. Colombo.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.