Iberdrola installerà il primo impianto ibrido idroelettrico-solare della Spagna

Share

Iberdrola España ha ottenuto l’approvazione ambientale per il primo impianto ibrido fotovoltaico-idroelettrico della Spagna.

Il progetto Hidro Cedillo, situato nella comunità dell’Estremadura, avrà una capacità di 86,4 MW e utilizzerà più di 160.000 moduli fotovoltaici e una struttura fissa.

“L’ibridazione consente di ottimizzare l’uso della rete e di ridurre al minimo l’impatto ambientale dei progetti nelle località in cui sono ubicati”, ha dichiarato Iberdrola. “Avendo due tecnologie in grado di alternarsi, la dipendenza dalle mutevoli condizioni ambientali e le limitazioni dovute alla possibile mancanza di risorse come il vento o il sole si riducono significativamente, facilitando una produzione rinnovabile più stabile ed efficiente”.

L’azienda, che ha recentemente annunciato la costruzione del primo impianto eolico-solare ibrido in Spagna a Burgos, ha in programma ulteriori investimenti in questa tecnologia nei prossimi anni, con l’obiettivo di migliorare le risorse rinnovabili della Spagna e di sfruttare al meglio i siti esistenti.

Gli impianti di generazione ibridi utilizzano lo stesso punto di connessione alla rete e condividono le infrastrutture, come la sottostazione e la linea di evacuazione dell’elettricità prodotta. Inoltre, sono situati su terreni già utilizzati per la generazione da fonti rinnovabili e consentono di avere strade e strutture comuni per il funzionamento di entrambe le tecnologie. “Tutto ciò si traduce in un impatto ambientale molto più basso rispetto a due impianti indipendenti, il che rafforza la leadership innovativa e rinnovabile di Iberdrola España in Spagna”, ha sottolineato la società.

Il progetto prevede anche una serie di misure volte a proteggere l’ambiente e a migliorare la biodiversità nell’area circostante. Tra queste, due ulteriori vasche o punti d’acqua che saranno costruiti per facilitare la disponibilità di acqua nelle diverse sezioni dell’impianto. È prevista anche la costruzione di un abbeveratoio per il bestiame e di un sistema di stagni naturalizzati per la fauna selvatica circostante. L’azienda prevede inoltre di delimitare le zone di esclusione che proteggono i corsi d’acqua, gli stagni, la vegetazione unica, gli alberi e gli habitat di interesse intorno al grande stagno dell’area. Ha inoltre delineato una serie di misure per proteggere rettili, anfibi, uccelli e pipistrelli.

L’Estremadura è diventata una delle regioni spagnole in crescita per Iberdrola, con quasi 5,2 GW installati, di cui 4,1 rinnovabili, tra cui idroelettrico, solare e batterie. Le attività solari fotovoltaiche della società nella regione comprendono gli impianti di Cedillo (375 MW), Majada Alta (50 MW), San Antonio (50 MW) e Almaraz I e II (80 MW).

A Cedillo, Iberdrola ha creato la prima comunità solare per un intero villaggio, che consente ai residenti e ai commercianti membri della comunità solare di risparmiare il 50% dei loro consumi attraverso un sistema di autoconsumo. Questa comunità solare è stata appena premiata come migliore iniziativa di sostenibilità in Europa con il Solar Sustainability Award 2023 di SolarPower Europe, consegnato a Bruxelles all’inizio di dicembre.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.