Convergenza dei prezzi dell’elettricità in Europa, mercato italiano rimane il più caro

Share

I prezzi dell’elettricità hanno registrato una convergenza nella prima settimana dell’anno, con il mercato italiano, normalmente di gran lunga il più caro, quasi in linea con quelli degli altri Paesi. Rimane comunque quello con i prezzi più alti.

Prezzi del gas bassi dovuti agli stoccaggi ancora abbondanti a metà della stagione invernale, una riduzione della produzione fotovoltaica inferiore alla media europea, l’aumento della produzione eolica e una temperatura mite hanno limitato i prezzi dell’energia in Italia, contribuendo alla convergenza.

“Nella settimana del 1° gennaio, la produzione di energia solare è diminuita nella maggior parte dei principali mercati elettrici europei rispetto alla settimana precedente. Il mercato tedesco ha registrato il calo maggiore, pari al 33%, mentre il mercato italiano ha registrato il calo minore, pari al 7,7%,” ha scritto AleaSoft Energy Forecasting nel suo update settimanale.

Secondo le previsioni di AleaSoft Energy Forecasting, la produzione di energia solare aumenterà in Germania, Italia e Spagna nella settimana dell’8 gennaio.

Nella prima settimana del 2024 la produzione di energia eolica ha registrato aumenti nella maggior parte dei principali mercati elettrici europei rispetto alla settimana precedente. L’Italia ha guidato gli aumenti, con un +246%.

Nella prima settimana del 2024, la maggior parte dei mercati analizzati ha registrato una diminuzione delle temperature medie. Queste diminuzioni hanno favorito anche un aumento della domanda di energia. La diminuzione varia da 1,3 °C in Francia a 2,6 °C in Germania. Al contrario, nei Paesi dell’Europa meridionale le temperature medie sono state meno rigide. Gli aumenti sono stati compresi tra 0,3 °C in Italia e 2,2 °C in Spagna.

Nella settimana del 1° gennaio, i prezzi nella maggior parte dei principali mercati elettrici europei sono aumentati rispetto alla settimana precedente. Fanno eccezione il mercato italiano IPEX, con un calo del 14%, e il mercato MIBEL di Spagna e Portogallo, con un calo del 23%. Il mercato EPEX SPOT della Germania ha registrato il maggior aumento percentuale dei prezzi, pari al 222%.

Le medie europee sono rimaste sotto i €85/MWh in circa tutti i mercati analizzati. L’unica eccezione il mercato italiano, con una media di €100.01/MWh.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.