Batterie al grafene: il report più aggiornato

Share

Di recente, Fact.MR, azienda che conduce ricerche di mercato a livello globale, ha realizzato un rapporto sul mercato delle batterie al grafene, prevedendo che il mercato mondiale delle batterie al grafene avrebbe raggiunto 140,7 milioni di dollari entro il 2023, con una crescita CAGR del 31% dal 2023 al 2033, arrivando ad un valore di 2 miliardi di dollari.

pv magazine Italia ha intervistato in esclusiva il team Fact.MR dello studio che ha analizzato il mercato delle batterie al grafene, testimoniando  innovazioni e progressi nel settore dell’accumulo di energia.

Perchè il grafene?
Si tratta di uno dei materiali preferiti nella tecnologia delle batterie grazie alle sue efficaci proprietà elettriche, termiche e meccaniche. La struttura unica del grafene consente una maggiore conduttività e permette agli elettroni di muoversi in modo più efficiente, garantendo prestazioni superiori.

Quali sono le tendenze principali del mercato delle batterie al grafene?
L’applicazione delle batterie al grafene si sta espandendo oltre l’elettronica di consumo e i veicoli elettrici. I ricercatori stanno esplorando applicazioni in settori quali i dispositivi medici, l’aerospaziale e il militare, spinti dalle proprietà uniche del grafene e dal suo potenziale di rivoluzionare l’immagazzinamento dell’energia. Inoltre, il mercato sta assistendo a un’impennata delle attività di R&S, con particolare attenzione al miglioramento dei processi produttivi, alla scalabilità e all’esplorazione di nuove applicazioni. Le attività di ricerca e sviluppo in corso mirano a ottimizzare le prestazioni e il rapporto costo-efficacia delle batterie a base di grafene.

Come si stanno muovendo le aziende del settore?
Stanno avviando collaborazioni e partnership per la commercializzazione delle tecnologie delle batterie al grafene. Per esempio, nel 2023 Graphene Manufacturing Group (GMG) e Rio Tinto hanno stretto una partnership per far progredire lo sviluppo di batterie al grafene-alluminio-ione, concentrandosi sulle applicazioni nell’industria mineraria e dei minerali.

Quali fattori contribuiscono al previsto aumento delle vendite di batterie al grafene?
La versatilità del grafene in termini di struttura e proprietà lo ha reso adatto a diverse applicazioni oltre alle batterie. Ricercatori e industrie ne stanno esplorando l’uso in settori quali i sensori, l’elettronica flessibile e gli inchiostri conduttivi, contribuendo all’interesse generale per le tecnologie basate sul grafene. L’aumento degli investimenti da parte del settore pubblico e privato, inoltre, ha sostenuto gli sforzi di ricerca e sviluppo nella tecnologia del grafene. Le iniziative di finanziamento stanno contribuendo ad accelerare il ritmo dell’innovazione e della commercializzazione dei prodotti a base di grafene, comprese le batterie.

Contribuiscono anche i potenziali vantaggi ambientali?
Certo. Le batterie al grafene garantiscono maggiore durata e minore consumo di risorse, contribuendo ad accrescerne l’attrattiva. Poiché i consumatori si sono orientati verso iniziative sostenibili, le batterie al grafene sono state studiate come alternative più ecologiche. L’enfasi globale sulle fonti di energia rinnovabile e la necessità di soluzioni efficienti per l’immagazzinamento dell’energia stanno guidando l’interesse per le tecnologie avanzate delle batterie.

Come riassumereste la fotografia attuale dello specifico mercato?
Le collaborazioni tra istituti di ricerca, operatori del settore e agenzie governative hanno sostenuto i progressi della tecnologia delle batterie al grafene. Le partnership hanno permesso di unire risorse, competenze e conoscenze per superare le sfide e accelerare lo sviluppo.
Secondo la nostra ricerca, il mercato delle batterie al grafene dovrebbe raggiungere un valore di 2 miliardi di dollari entro la fine del 2033 e registrare un CAGR del 31% dal 2023 al 2033.

Quali sono i Paesi più redditizi per i produttori di batterie al grafene?
La Germania e il Regno Unito dovrebbero essere mercati redditizi grazie all’alta concentrazione di aziende produttrici di grafene nella regione. Inoltre, aziende tedesche come General Motors, Fiat e Ford hanno investito nelle batterie al litio al grafene. Si prevede che le forti vendite di veicoli elettrici in Germania e nel Regno Unito genereranno potenziali opportunità nel mercato. In più, l’elettronica è uno dei settori ad alta intensità di ricerca e sviluppo in Germania e si prevede che nei prossimi 10 anni crescerà ad un ritmo sostenuto. Ma c’è anche il settore automobilistico in rapido sviluppo in Cina che sta determinando una forte domanda di batterie al grafene e il mercato degli Stati Uniti che è in rapida espansione a causa della forte domanda da parte di strutture aerospaziali e di difesa.

Quali sono le sfide principali che possono limitare la crescita del mercato delle batterie al grafene?
Una sfida significativa è la produzione scalabile di materiali di grafene di alta qualità. Produrre grafene su larga scala mantenendo le proprietà desiderate può essere complesso e costoso. Inoltre, per rendere le batterie al grafene competitive sul mercato sono fondamentali diversi metodi economicamente vantaggiosi per la produzione su larga scala. La mancanza di standard industriali per la produzione di grafene e per la produzione di batterie pone problemi di qualità e prestazioni costanti. L’integrazione delle batterie al grafene nelle tecnologie e nelle infrastrutture esistenti può rappresentare una sfida. I problemi di compatibilità e la necessità di modifiche per accogliere le batterie al grafene possono rallentare l’adozione.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.