Monito di Wood Mackenzie: che le elezioni USA e UE non ritardino la transizione energetica

Share

Un ritardo di cinque anni nella transizione energetica potrebbe comportare un aumento della temperatura media globale di 3 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali. Lo dice “Una transizione energetica ritardata”, l’ultima analisi di Wood Mackenzie.

“Lo scenario di transizione energetica ritardata di Wood Mackenzie, che ha analizzato l’impatto che un ritardo di cinque anni potrebbe avere sugli sforzi globali di decarbonizzazione, prevede che la spesa media annua scenda a 1,7 trilioni di dollari. Si tratta di una cifra inferiore del 55% rispetto allo scenario “net zero 2050” di Wood Mackenzie, che traccia il fabbisogno per raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi”, si legge nel documento.

In termini di investimenti totali, una transizione ritardata potrebbe costare fino a 48.000 miliardi di dollari, una diminuzione significativa rispetto allo scenario “Net Zero” di Wood Mackenzie, che stima un totale di 75.000 miliardi di dollari. In una transizione ritardata, il Capex del settore petrolifero e del gas sale al 31%, mentre la spesa nel settore elettrico dovrebbe rimanere al livello attuale del 60%. La spesa in oil&gas potrebbe scendere al di sotto del 10% nello scenario “Net Zero”, se il settore dell’energia elettrica dovesse ottenere l’80% della spesa totale.

Per quanto riguarda i settori metallurgico e minerario, il Capex è il più resistente e rimane intorno al 6% del totale in tutti gli scenari. Al contrario, nonostante il loro ruolo chiave nella transizione energetica complessiva, gli investimenti per l’idrogeno e la cattura, l’utilizzo e lo stoccaggio del carbonio (CCUS) scendono al 2%, rispetto all’8% dello Scenario “Net Zero” di Wood Mackenzie.

“Con metà della popolazione mondiale che si recherà alle urne nel 2024, le realtà politiche e lo scetticismo climatico nei principali Paesi emettitori, come gli Stati Uniti e l’Europa, potrebbero ridurre il sostegno alla transizione, in quanto gli elettori cercano la sicurezza economica e la stabilità dei prezzi”, ha dichiarato Prakash Sharma, vicepresidente di Scenari e Tecnologie di Wood Mackenzie e autore del rapporto.

Nello scenario ritardato di Wood Mackenzie, il solare e l’eolico dominano i mercati dell’energia a lungo termine, ma le aggiunte a breve termine sono rallentate dalle strozzature della rete di trasmissione.

La società di consulenza di Edimburgo ha aggiunto che l’aumento dei tassi di interesse e le strozzature della catena di approvvigionamento hanno fatto lievitare i costi delle fonti rinnovabili del 10-20% negli ultimi anni.

“I costi elevati delle rinnovabili ritarderanno ulteriormente il calo dei costi dell’idrogeno a basse emissioni di carbonio, riducendo la domanda a 100 milioni di tonnellate (Mt) nel 2050, quasi il 50% in meno rispetto allo scenario di base”.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.