Meteo e geopolitica aumentano prezzi energetici, dice Sommer di Axpo

Share

Nell’ultimo mese, i mercati energetici europei sono stati guidati per la maggior parte da una combinazione di sviluppi meteorologici insoliti e fattori geopolitici significativi. Il risultato è stato un aumento sostanziale dei prezzi delle materie prime energetiche e una maggiore volatilità. Lo spiega Andy Sommer, team leader Fundamental Analysis, Modelling & Meteorology presso Axpo Solutions.

“L’Europa centrale ha sperimentato un tempo eccezionalmente umido e temperature vicine alla norma stagionale, mentre la Gran Bretagna e i Paesi nordici hanno affrontato condizioni insolitamente calde, con la prima che ha battuto il record di temperatura di maggio con un margine significativo”, Sommer ha scritto nella sua nota mensile.

Secondo l’analista di Axpo, i periodi di scarsa ventosità dello scorso mese hanno sostenuto i prezzi spot dell’energia elettrica in tutta l’Europa settentrionale, con i prezzi dell’energia tedesca che hanno recentemente superato i 200 euro/MWh.

“Tuttavia, ciò è stato oscurato dal prezzo di sbilanciamento record in Germania, che è salito a quasi 10.000 EUR/MWh all’inizio di giugno. Questa impennata dei prezzi è stata determinata da una produzione di energia solare inferiore alle previsioni nelle ore mattutine, da una limitata capacità di esportazione francese verso la Germania e da una carenza di capacità di centrali elettriche flessibili”, ha detto Sommer.

L’analista aggiunge che la Germania ha registrato prezzi negativi per l’energia elettrica durante le ore centrali della giornata a causa della produzione solare, “evidenziando la crescente frequenza di tali eventi di volatilità dei prezzi con la continua espansione della capacità di energia rinnovabile”.

Axpo prevede che questa volatilità persisterà fino a quando le soluzioni flessibili di accumulo a batteria non diventeranno più diffuse.

Nonostante la debolezza complessiva della domanda di energia elettrica in Europa centrale, che a volte è scesa al di sotto dei livelli del 2023, l’Europa meridionale ha registrato un leggero aumento della domanda rispetto all’anno precedente.

Nucleare e gas

Secondo Sommer, la produzione nucleare francese è rimasta solida, riducendosi in modo flessibile nei periodi di crisi.

Nel mercato del gas, le iniezioni inferiori alla media e le preoccupazioni sulla sufficienza degli stoccaggi invernali hanno fatto salire i prezzi. Il trend rialzista è stato supportato dall’allarme lanciato dal gruppo austriaco OMV su un potenziale taglio delle forniture da parte di Gazprom, che però non si è ancora concretizzato.

“La manutenzione norvegese e la scarsità di forniture di GNL hanno ridotto il gas disponibile, con i livelli di stoccaggio dell’UE che sono scesi al di sotto dei record del 2020, pur rimanendo al di sopra della media quinquennale all’inizio di giugno”, ha detto Sommer, aggiungendo che la forte domanda asiatica, le ondate di calore nell’Asia meridionale e la fragilità delle esportazioni di GNL hanno messo a dura prova il mercato, facendo registrare il più basso invio di GNL nell’UE da oltre quattro anni.

Nel mentre, le importazioni di carbone in Asia sono aumentate significativamente per soddisfare l’aumento della domanda di raffreddamento e ricostituire le scorte.

“Inoltre, un mercato del gas più rigido, unito alla copertura a breve delle posizioni speculative, ha sostenuto i prezzi del carbonio in Europa”, conclude Sommer.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.